Pagamento con carta: da ora è possibile su tutti i taxi neri

Pagamento con carta: da ora è possibile su tutti i taxi neri

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Sicuramente uno dei simboli emblematici di Londra è il famoso black cab, il taxi nero che da sempre si vede sfrecciare per le strade della capitale inglese.

E anche per lo storico mezzo di trasporto è arrivato, il momento di mettersi al passo con i tempi, tanto che dallo scorso lunedì 31 ottobre è possibile pagare qualsiasi corsa con carta.

In questo modo i cittadini hanno, finalmente, la possibilità di usufruire del servizio in qualsiasi momento pur non avendo contanti a portata di mano, abitudine che ormai si sta perdendo grazie alla diffusione a macchia d’olio delle carte di pagamento contactless, che non richiedono l’inserimento fisico della carta nel lettore ma solo il loro avvicinamento al dispositivo predisposto.

L’idea vincente è stata voluta dal sindaco di Londra Sadiq Khan, convinto che in questo modo i passeggeri possano avere vita più facile oltre ad una maggiore sicurezza e tutela riguardo le loro corse in taxi:

“Sono lieto di annunciare che da adesso in poi tutti coloro che utilizzano i nostri simbolici taxi neri avranno la possibilità di pagare con carta, rendendo i propri viaggi più veloci e convenienti. Da quando sono diventato sindaco sono determinato a garantire lo sviluppo di un vivace mercato inerente ai taxi e al noleggio privato in modo da offrire un servizio ottimale ai londinesi. Molti tassisti già forniscono da tempo questo servizio, ma è importante che i cittadini sappiano per certo che non dovranno mai più correre ad un bancomat prima di iniziare la propria corsa in taxi. I nostri taxi neri offrono un servizio unico e prezioso ai londinesi e il pagamento con carta sarà un bene sia per questo settore commerciale che per tutta la cittadinanza”.

Una mossa rivoluzionaria che, mercato a parte, ha voluto accontentare principalmente le esigenze dei cittadini: dopo una ricerca accurata, infatti, l’86% degli intervistati aveva fatto notare questa problematica, sottolineando la propria propensione ad effettuare pagamenti con carta o tramite servizio contactless.

Il desiderio dei londinesi è stato esaudito: per adesso i dispositivi per il pagamento potranno anche essere mobili, ma da gennaio 2017 i tassisti saranno obbligati ad installarli nell’abitacolo della propria vettura.

Forte entusiasmo è stato anche espresso dal manager generale della TfL e Private Hire, Helen Chapman, che ha accolto immediatamente la proposta dei cittadini:

“Molti tassisti accettano da anni i pagamenti con carta, ma i clienti non avevano mai la sicurezza assoluta di poter pagare in questo modo sulle vetture a disposizione. Abbiamo ascoltato i nostri clienti e crediamo che questa novità renderà i viaggi molto più convenienti e sarà una mossa giusta per inserire il mercato dei taxi in un mondo che è sempre più privo di contanti“.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti