La Gelatiera: il vero gelato italiano a Londra si mangia qui!

La Gelatiera: il vero gelato italiano a Londra si mangia qui!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Vi serve una pausa ristoratrice dopo una lunga visita alla National Gallery? Vi manca il gelato made in Italy? Siete provati dall’afa estiva londinese?  Se rispondete “sì” ad almeno una di queste tre domande (ok, il caldo torrido probabilmente non arriverà mai), la Gelatiera è il luogo che fa che voi.

A due passi da Leicester Square, in una stradina secondaria, ma molto frequentata, si trova la gelateria-caffetteria aperta nell’autunno 2011 da Antonio Parisi, ingegnere elettrotecnico calabrese con varie esperienze lavorative presso varie aziende tra cui Eni, HP, Zurich e residente a Londra dal 2006, dal suo socio francese esperto di marketing Stephane Leyvraz e da Stefania, che poi lascerà le redini dell’attività ai due amici.

La domanda sorge spontanea: come si passa da lavorare come ingegnere ad aprire una gelateria a Londra? L’idea, come mi racconta Antonio, arriva mentre si trova in spiaggia in Calabria, ma prima della sua realizzazione passano alcuni anni. Alle spalle c’è tanto studio e pratica del mestiere di mastro gelataio, corsi ed esperienze professionali in Italia, anche con uno dei più importanti gelatieri, il siculo-svizzero Luca Caviezel, e l’ispirazione della gelateria che la nonna di Antonio gestiva in Calabria.

Si parte con una gelatiera ad uso domestico per sperimentare nuovi gusti e si arriva all’apertura de “La Gelateria” e prossimamente di un altro punto vendita nel villaggio olimpico di Stratford.

Il nome “La Gelateria” deriva dalle gelatiere presenti nel laboratorio che si trova al piano inferiore del locale e che sono visibili attraverso una lastra di plexiglass presente nel pavimento.

I due anni successivi all’apertura sono stati diffcili, ma ora il locale è il punto di riferimento per gli amanti del gelato, e non solo, del centro. Vengono infatti serviti, anche per servizi catering, sorbetti, torte gelato, milkshakes, torte, waffles, muffins e crepes, proprio perchè il clima non consente un florido mercato del gelato per tutto l’anno. Inoltre si può gustare un ottimo caffè di miscela 100% arabica e la macchina del caffè è una tradizionale a leva.

Il segreto del gelato risiede nella produzione artigianale priva di additivi, coloranti e conservanti, basata sulla filosofia dello Slow-Food, e nella scelta degli ingredienti, tutti naturali e freschi, molti dei quali arrivano direttamente dall’Italia, come il pistacchio di Bronte e il peperoncino calabrese.

Per quanto riguarda i gusti di gelato non sono molti, ma sono accuratamente selezionati.

“Preferiamo produrre pochi gusti, ma coi giusti ingredienti e seguendo determinate lavorazioni, piuttosto che assomigliare a quelle gelaterie in cui ci sono distese di varietà”, dice Antonio.

E aggiunge che gli inglesi amano di più sperimentare ed è per questo che vengono alternati, oltre ai gusti classici, altri più avventurosi come burro di noccioline, caramello e cioccolato, basilico fresco e peperoncino calabrese o miele, rosmarino e scorza di arancia ( di cui qui potete trovare il video della recensione di Charlie Turnbull, direttore della deli Turnbull&Turnbull). Quest’ultimo gusto, sul quale ero diffidente, si è invece rivelato un ottimo assaggio.

Inoltre sono presenti alcuni gusti per vegani: basta utilizzare l’acqua e colmare la percentuale di latte eliminata con altrettanta quantità di pistacchio, mango o cioccolato, a seconda del gusto.

I prezzi, mi dice Antonio, sono nella media londinese (3.30£ il cono piccolo). In centro città le vere gelaterie scarseggiano: se ne contano solo una decina, tra cui alcune che propinano “luxourious gelato”. Per un italiano è un po’ difficile pensare che il gelato sia un bene di lusso, ma si sa, siamo a Londra, e niente è regalato.

Non solo i clienti riconoscono la qualità, ma Londra stessa premia La Gelatiera con varie riconoscenze, tra le quali “Top 50 foods” nel 2013 e 2014, rilasciata da Great Taste.

Risultato della degustazione? Approvato! But please call it gelato, not icecream.

La Gelatiera: 27 New Row, Covent Garden, London WC2N 4LA

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti