BENEFITS

Benefits: come ottenere il benefit income-based JSA

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

L’argomento dei benefit a Londra non è sempre semplice da “digerire” per i migranti che cercano fortuna nella capitale del paese britannico. Quanti sussidi esistono per coloro che non riescono subito a trovare lavoro? Cosa succede, invece, se perdiamo quello che avevamo trovato? Come cambierà l’accesso ai sussidi una volta che il Regno Unito sarà definitivamente uscito dall’Unione Europea? A queste ed altre domane abbiamo provato a fare “luce”.

Innanzitutto, è necessario premettere che noi cittadini italiani possiamo risiedere in un altro paese UE per 3 mesi senza che nessuna autorità possa chiederci quale sia il motivo della nostra permanenza. Dopo i 3 mesi, tuttavia, avremmo diritto a rimanere se siamo: lavoratori subordinati/autonomi, studenti, jobseekers (persone alla ricerca di lavoro), persone che si mantengono e familiari di questi.

Allo stato attuale delle cose, per avere diritto a vivere in UK come jobseekers, è necessario iscriversi al Job Centre Plus e cercare attivamente lavoro. Qualificarsi ufficialmente come jobseekers, tra l’altro, offre la possibilità di richiedere un sussidio economico allo stato britannico in attesa di trovare un’occupazione. Questo contributo viene chiamato JSA (Jobseeker’s Allowance): vediamo insieme di cosa si tratta e come ottenerlo.

Innanzitutto, ci sono due tipi di JSA: contribution-based JSA, cui si può accedere solo dopo 2 anni di contributi (Class 1 NIC) e income-based JSA, la cui quota pagata va in base al reddito. In questa sede ci occupiamo del secondo.

REQUISITI

Avere più di 18 anni ma essere al di sotto dell’età pensionabile;
Cercare attivamente lavoro;
Lavorare meno di 16 ore a settimana;
Non essere studenti full-time;
Risiedere da almeno 3 mesi in UK. In caso di licenziamento involontario dopo meno un anno di lavoro, si può richiedere JSA entro 6 mesi se si è iscritti al JCP o si sta frequentando un corso professionale.
Essere in UK e dimostrare l’intenzione di stabilirvisi (avere un’abitazione/GP, iscrivere figli a scuola, essere nelle liste elettorali…)

PROCEDURA

Compilare il form di richiesta su www.gov.uk;
Attendere una chiamata per un colloquio al JCP;
Al colloquio, verrà stabilito se effettivamente avete il diritto a ottenerlo. Se sì, deciderete insieme a un “work coach” quali sono i passi da compiere per trovare lavoro (Claimant Commitment)
Ogni due settimane circa dovrete tornare al JCP per mostrare quali passi avete fatto per cercare lavoro (corsi, CV inviati…)

AMMONTARE/DURATA DEL BENEFIT

Settimanalmente, l’ammontare massimo è £57.90 per chi ha tra 18 e 24 anni, £73.10 dai 25 anni, £114.85 per le coppie.

Si può ricevere JSA solo per 91 giorni cumulativi a meno che non si dimostri di avere un’offerta di lavoro o una prova convincente di avere un’autentica opportunità di trovarla. I 91 giorni si applicano sia a chi è arrivato come disoccupato e chiede un sussidio sia a chi ha perso il lavoro, era precedentemente studente o si manteneva con i propri risparmi. Allo stesso modo, se una persona viene assunta e licenziata più volte, può fare ricorso al JSA finché non termina i 91 giorni possibili di copertura: affinché si possa usufruire di altri 91 giorni bisogna allontanarci dal Regno Unito per almeno un anno.

L’unica eccezione ai 91 giorni vale per chi è stato licenziato non a causa della sua condotta sul lavoro: in questo caso, il neo disoccupato è considerato ancora lavoratore per sei mesi e in questo periodo può fare domanda e ricevere JSA.

Da aprile 2014, chi riceve JSA non può più accedere agli housing benefits (e i jobseekers non possono comunque richiedere Income Support, income-related ESA e Pension Credit).

PERDITA DEL BENEFIT

In ogni caso, il JSA sarà sospeso nel caso in cui:

Non si accetti o non si rispetti il Claimant Commitment;
Non ci si presenti al JCP quando richiesto;
Non si frequentino i corsi stabiliti o si declini un colloquio/proposta di lavoro;
Non si inoltrino candidature;
Si lasci l’ultimo lavoro o corso senza un buon motivo o a causa del nostro comportamento.

Per ulteriori informazioni sui benefits potete concultare anche questo articolo.

UNIVERSAL CREDIT

Nel Regno Unito si sta sostituendo progressivamente alcuni benefit, tra cui il JSA (insiema a ESA e State Pension Credit) con un unico sussidio chiamato Universal Credit. Già molte aree di Londra hanno introdotto questo tipo di benefit – tra cui Hammersmith, London Bridge, Croydon, Richmond, Brixton, Kentish Town, Canning Town, East Ham, Stratford, Peckham, Plaistow, Redbridge, Romford, Clapham Common, Kennington Park, Forest Hill, Lewisham, Stockwell, Streatham, Southwark. Tuttavia, l’accesso all’Universal Credit non è uguale in tutti i distretti: sebbene tutti i cittadini UE debbano passare l’Habitual Residence Test per ottenerli, a Londra, per il momento, si può richiedere questo tipo di benefit solo a Southwark e Croydon (hanno meno restrizioni). Negli altri, è possibile chiedere il sussidio solamente dopo due anni che si vive in UK e se non ci si è assentati dal Regno Unito per più di 4 settimane in questo periodo!

COSA CAMBIERÀ DOPO L’USCITA DEL REGNO UNITO DALL’UE

Non sappiamo di preciso come cambieranno le cose per noi cittadini italiani una volta che il Regno Unito avrà lasciato definitivamente l’Unione Europea. Molto dipende dall’accordo sulla libera circolazione che verrà stabilito tra Londra e Bruxelles ma anche da eventuali trattati bilaterali con i singoli Paesi. Tuttavia, la categoria dei disoccupati è senz’altro quella più a rischio in quanto bersaglio principale della campagna elettorale per il Leave. Negli ultimi anni il Primo Ministro David Cameron aveva ridotto al massimo consentito dalle normative comunitarie il diritto dei cittadini UE ad accedere al JSA e aveva proposto di restringere la possibilità d’ingresso nel Paese a chi non ha una proposta di lavoro e non può mantenersi con risorse autonome. Se si tornerà ad applicare l’Immigration Act – che al momento regola lo status dei cittadini extracomunitari in UK – anche ai cittadini UE, per i primi due anni di permanenza non sarà possibile accedere ai sussidi.

Il tuo voto: 5
Voti totali: 3

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto