Fare la baby sitter (o “la nanny”) a Londra: ecco come!

Fare la baby sitter (o “la nanny”) a Londra: ecco come!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Un lavoro sicuramente gettonato a Londra sembra essere quello di “nanny” ovvero di tata, ovvero baby sitter.

La nanny si occupa dei bambini e svolge tutti i compiti necessari legati all’età e alle esigenze del bambino (cambiare pannolini, accompagnarli a scuola o altrove, preparare pasti, organizzare attività, aiutarli nei compiti, occuparsi della loro igiene e quella delle loro stanze…). Chiaramente per fare questo tipo di lavoro è necessario essere pazienti, creativi, attenti. È bene ricordare, soprattutto per chi volesse fare questo lavoro come soluzione temporanea, che è un lavoro che implica molte responsabilità.

In linea teorica non sono necessarie specifiche qualifiche, ma capite bene che un genitore sarà più propenso a lasciare i propri figli a chi dà prova di avere seguito corsi e avuto già esperienze con i bambini. Esperienze maturate nel Regno Unito sono le più ben viste ma in molti casi anche esperienze e qualifiche ottenute in Italia sono accettate (aver fatto la baby-sitter, campi estivi con i bambini, tirocini/servizi civili in asili, avere una certificazione Tagesmutter…).

A livello di preparazione acquisibile, a Londra ci sono alcuni corsi quali: Level 1 Award in Introduction to Health, Social Care and Children’s and Young People’s Settings, Level 2 Certificate for the Children and Young People’s Workforce, Level 3 Diploma for the Children and Young People’s Workforce.

Basic Food Hygiene, Child Protection Awareness e an Introduction to Data protection sono altri corsi consigliati.

Molte famiglie potranno chiedervi di svolgere un First Aid Course (un corso di primo soccorso) – costa sui £70-90 ma a volte le famiglie si offrono di pagarlo – e di presentare loro il DBS (Disclosure and Barring Service), ovvero la fedina penale –se si vive già da un po’ qui vi verrà chiesto di sottoporvi al DBS check, ma anche di richiedere un certificato giudiziale casellario, rilasciabile da qualsiasi procura della Repubblica in Italia. Referenze sono sempre benvenute e spesso espressamente richieste.

Il lavoro di nanny può essere svolto sia da live-in (ovvero vivere direttamente con la famiglia) oppure, al contrario, da live-out. A seconda di questo, delle vostre esperienze, del numero di bambini e delle ore lavorate, il salario cambia. A Londra, secondo Nanny Job, un salario medio dovrebbe essere sui £23,000 lordi per una live-in e £32,000 per una live-out. Avendo indagato tra le mie amiche che svolgono questo lavoro, le cifre medie variano invece dai £13,000- 15,000 per live-in e £15,000- 16,000 per live-out, almeno nei primi anni.

Per trovare lavoro come nanny i siti sono tantissimi. Alcuni specifici possono essere Nanny Job o Childcare.co.uk, ma anche sui classici Gumtree, Indeed, Reed, Universal Job Match, si trovano tante opportunità.

Per lavorare tramite agenzie, date un’occhiata a questa pagina: http://www.nannyjob.co.uk/information/jobs/top_agencies

Ps: vi ricordiamo che all’interno di questa categoria potete trovare tutte le altre guide su come trovare lavoro a Londra negli altri settori. Ad oggi l’elenco comprende guide per estetisti , operatori del no-profit , giornalisti , avvocati , infermieri , make-up artist , elettricisti , ingegneri e medici. Buona lettura!

Il tuo voto: 5
Voti totali: 3

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti