LAVORO/GUIDE-DOCUMENTI-UTILI

Lavorare a Londra come bibliotecario: tutto quello che c’è da sapere!

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Quest’articolo è dedicato a tutti quei romantici sognatori che, lontani da aspirazioni di fama e soldi facili, preferiscono rimanere squattrinati ma vivere in mezzo ai libri: i bibliotecari. Londra sarà pure la capitale della finanza, ma nessun grattacielo può competere con la magia che regna nella British Library o nelle miriadi di biblioteche pubbliche o private, le quali, oltre ad essere luoghi di studio e consultazione di libri, sono anche dei centri di aggregazione grazie all’organizzazione di gruppi di lettura e scrittura, presentazioni di libri e altre attività dedicate sia a bambini che adulti.

Indubbiamente il lavoro del bibliotecario si è evoluto nel corso degli anni ad oggi, in aggiunta a svolgere le classiche mansioni di custodia di libri, contatto con il pubblico e gestione giornaliera dei servizi della biblioteca, si occupa anche di risorse online – per questo sempre più spesso alcune posizioni da bibliotecario vengono etichettate come “information manager” o “information scientist” –  e talvolta gli/le vengono affidati compiti di archiviazione, prima di responsabilità esclusiva degli archivisti. Per quanto riguarda invece il luogo di lavoro, le posizioni riguardano tra le altre biblioteche pubbliche, private, università o altre scuole, organizzazioni non-profit.

A differenza dell’Italia, dove non esistono lauree specifiche per il lavoro di bibliotecario (almeno per la triennale), nel Regno Unito è necessario laurearsi in “biblioteconomia” (librarianship) o information managenent presso una delle università accreditate dal corpo professionale che rappresenta tutte le professioni legate alla diffusione di informazioni, il Chartered Institute of Library and Information Professionals (CILIP).

Nel caso invece in cui si sia già ottenuto una laurea triennale in altre discipline, è possibile  seguire un corso post-graduate in information management – sempre accreditato dal CILIP- anche se in questo caso la maggior parte delle università richiedono un minimo d’esperienza nel settore, che può essere conseguita tramite volontariato, trovando lavoro come librarian assistant o dopo aver svolto un apprendistato (in questo articolo puoi trovare maggiori info su come trovare un apprendistato nel Regno Unito).  A Londra i corsi accreditati si tengono alla City University London, King’s College e University College.

La maggior parte delle lauree in studi equivalenti a quelle sopradescritte ottenute in altro paese dell’Unione Europea, sono generalmente riconosciute; per aver maggiori informazioni (ad esempio se avete una laurea triennale in Beni culturali, Lettere, Filosofia, Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali o una laurea specialistica in Archivistica e biblioteconomia) sulla possibilità di conversione del titolo è possibile contattare il NARIC e il Continuing Professional Development Department del CILIP a questo indirizzo email: memberservices@cilip.org.uk.

Diventare bibliotecario senza laurea è meno comune e sempre più raro, ma comunque possibile: con un’esperienza minima di 2 anni acquisita come assistente di biblioteca, nel settore informatico o nel customer service,  è prevista l’iscrizione al CILIP, la quale porta ad ottenere lo status di Certified Affiliate; dopo ulteriori 2 anni, si può fare domanda per portare avanti il processo di Chartership, che porta alla qualifica completa.

Anche chi ha studiato per diventare bibliotecario o già lavora come tale, ha la possibilità di registrarsi presso il CILIP in maniera tale da ottenere uno status professionale riconosciuto non solo a livello nazionale, ma anche internazionale. Anche i salari sono più alti per chi vi è iscritto, anche se altri fattori che incidono sullo stipendio sono gli anni d’esperienza e i luoghi in cui si lavora. È possibile consultare la guida ai salari a questa pagina.

Per cercare lavoro come bibliotecario sono utili Lisjobnet, LGjobs, Times Higher Education Supplement, artsjobsonline.com, jobs.ac.uk, Monster.co.uk, The GuardianJobs e Prospect.co.uk.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto