Recruitment agency di Londra: c’è davvero da fidarsi?

Recruitment agency di Londra: c’è davvero da fidarsi?

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Un modo complementare nella ricerca del lavoro, accanto all’invio di curricula via internet o porta a porta, è quello di rivolgersi a una o più agenzie di lavoro, chiamate “recruitment agencies” o “employment agencies”.

Esse fungono da intermediario tra l’impresa o organizzazione che sta cercando nuovo personale e la persona in cerca di lavoro, avendo come principale obiettivo quello di trovare il candidato giusto per la posizione pubblicizzata.

Le agenzie sono molte e lavorano in modi diversi, ma tenete a mente che per legge, queste NON possono chiedervi soldi per trovarvi un lavoro o per i servizi che vi offrono connessi alla ricerca del lavoro (caso a parte le agenzie di entertainment e modeling), quindi diffidate da eventuali pseudo-agenzie che vi chiedono soldi promettendovi il lavoro della vostra vita (siano esse gestite da inglesi, italiani o alieni).

Le agenzie, infatti, generalmente guadagnano ricevendo dall’ente che ricercava personale una percentuale (che può andare dal 10% al 40%) sul salario lordo annuo della persona assunta tramite l’agenzia.

Inoltre, l’agenzia ha l’obbligo di assicurarsi che il lavoratore assunto:

  • sia pagato per tutto il lavoro svolto

  • abbia diritto a ferie pagate

  • non sia obbligato a lavorare più di 48 ore a settimana

  • sia pagato almeno il salario minimo

  • sia protetto dalle leggi sulla sicurezza e malattia

  • abbia una copia scritta contenente i “termini e le condizioni” di lavoro 1

Per quanto riguarda il modus operandi, in via sempre generale, il primo passo, quando deciderete di registrarvi con un’agenzia, sarà quello di avere un colloquio con un membro dell’agenzia per discutere delle vostre ambizioni, capacità e qualifiche; dopodiché il vostro CV sarà registrato in un database e l’agenzia penserà a inviare il vostro curriculum ogni volta che riterrà che questo si addica alla posizione di lavoro che si è aperta.

Da parte vostra, siate chiari sul farvi comunque contattare ogni volta che l’agenzia intende inviare il vostro curriculum e chiamate di tanto in tanto di vostra iniziativa per verificare l’esistenza di posizioni che si addicano alle vostre qualifiche.

Il vantaggio di rivolgersi a un’agenzia sta nel fatto che oltre ad agire da filtro, queste conoscono le aziende con le quali lavorano e quindi sapranno darvi utili consigli anche per un’intervista o per modificare al meglio il vostro curriculum. Inoltre spesso le agenzie ricevono in esclusiva annunci di nuove posizioni lavorative, alle quali, quindi, da soli, non avreste accesso.

Detto questo, c’è anche da dire che esistono diversi tipi di agenzie: nazionali o locali, generali o specializzate per settore, che si occupano di posizioni “permanenti” e “temporanee” e quelle specializzate solo nel “temping”, ossia nel lavoro temporaneo.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti