Logo Londra Da Vivere
NEWS

A Londra aumentano i contagi: i dati ufficiali distretto per distretto

|
EU Network
AEMORGAN

La situazione attuale a Londra desta molta preoccupazione in quanto gli ultimi dati ufficiali mostrano un aumento dei contagi da coronavirus in più di due terzi dei distretti della città.

Il numero dei casi positivi è in aumento in tutta la zona est di Londra, a parte Redbridge che ha registrato una piccolissima diminuzione nella settimana fino al 3 dicembre rispetto ai sette giorni precedenti.

In particolare in nove distretti il tasso di infezione nella settimana precedente alla fine del lockdown nazionale è stato di oltre 200 nuovi casi per 100.000 abitanti. Nello specifico si sono registrati a Havering 346 casi, a Barking e Dagenham 303,4, a Redbridge 292,2, a Waltham Forest 269,7, a Bexley 246,1, a Newham 243,5, a Tower Hamlets 213,4, a Kingston 202,8 e a Enfield 200,1.

Per evitare il passaggio di Londra al Livello 3, i parlamentari e il sindaco Sadiq Khan hanno esortato tutti i cittadini a non abbassare la guardia rispettando in modo ferreo tutte le regole anti-COVID quindi il distanziamento sociale, l’autoisolamento, l’uso delle mascherine e le corrette norme igieniche.

A ribadire il concetto è stato il deputato conservatore per le città di Londra e Westminster Nickie Aiken che ha dichiarato a The Standard: “Vogliamo e abbiamo bisogno che Londra rimanga nel Livello 2 piuttosto che nel Livello 3. Ogni londinese ha un ruolo da svolgere in questo, rispettando le regole. Ogni singola persona che infrange le regole aumenta le possibilità di entrare nel Livello 3. Dobbiamo lavorare insieme come un’unica città per garantire la sopravvivenza dei nostri caffè, ristoranti, negozi e altre attività e anche per proteggere vite umane“.

Della stessa opinione è il sindaco della capitale che ha aggiunto: “Il numero di casi a Londra è di nuovo in aumento e se non lavoriamo tutti insieme ora potremmo dover affrontare restrizioni più severe in tutta la capitale. I londinesi hanno lavorato duramente per aiutare a ridurre il numero di casi prima, ma non dobbiamo rischiare di annullare tutti i sacrifici che sono stati fatti abbassando la guardia e permettendo che i casi aumentino ulteriormente prima del Natale“.

Un chiaro avvertimento è stato dato anche dal ministro di Gabinetto Michael Gove: “Ci sono variazioni da distretto a distretto di Londra. Ma riceviamo consigli dal Joint Biosecurity Center e da coloro che stanno monitorando non solo l’incidenza del virus ma anche la pressione sull’NHS. Teniamo queste cose sotto controllo ma ovviamente quello che vogliamo fare è vedere le aree rimanere nel loro livello attuale o spostate in quello più basso. Ciò vuol dire che dobbiamo essere vigili, in particolare nel periodo che precede il Natale“.

Ad oggi i casi sono in aumento in 23 distretti, in particolare ad Haringey del 49,2%, ad Harrow del 43,7%, a Bromley del 36,2% e a Merton del 34,4%. Al contrario solo in 9 distretti, molti dei quali nel centro o nel sud-est di Londra, è stata registrata una caduta nei tassi di infezione nella settimana fino al 3 dicembre.

Vista la forte disparità tra i tassi di infezione nelle varie aree di Londra, il deputato di Kensington Felicity Buchan ha messo in conto anche una possibile differenziazione di livelli all’interno della città: “Credo che Londra nel suo insieme sia ancora saldamente nel territorio di Livello 2, ma il tasso di casi sta aumentando. È molto importante che tutti rispettino le attuali restrizioni in modo che i tassi dei casi scendano: non possiamo correre il rischio che Londra entri nel Livello 3. Sarebbe devastante per l’economia e il nostro modo di vivere. Tuttavia, se le disparità di infezione tra i distretti continuano, potremmo dover considerare un approccio differenziato tra le diverse aree“.

In tal caso, in linea generale i quartieri di East London passerebbero al Livello 3 e il resto della città rimarrebbe al Livello 2. Tale decisione forse potrebbe fermare la crescita dell’incidenza di infezione, ma d’altro canto una suddivisione del genere sarebbe difficilmente gestibile visti gli spostamenti frequenti dei londinesi tra le varie aree della città sia per esigenze lavorative che personali.

Nello specifico, ecco i dati ufficiali distretto per distretto inerenti alla settimana fino al 3 dicembre: Haringey ha registrato 485 casi, 160 in più rispetto alla settimana precedente (49,2%) con un tasso di 180,5, Harrow 493 casi, in aumento di 150 (43,7%) con un tasso di 196,3 , Bromley 583 casi, aumento di 155 (36,2%) con un tasso di 175,4, Merton 391 casi, aumento di 100 (34,4%) con un tasso di 189,3, Havering 898 casi, aumento di 201 (28,8%) con un tasso di 346, Waltham Forest 747 casi, in aumento di 159 (27%) con un tasso di 269,7, Hackney e City of London 481 casi, in aumento 97 (25,3%) con un tasso di 165,4, Kingston 360 casi, in aumento di 69 (23,7% cent) con un tasso di 202,8, Barking e Dagenham 646 casi, in aumento di 116 (21,9%) con un tasso di 303,4 e Lewisham 359 casi, in aumento di 62 (20,9%) con un tasso di 117,4.

A Bexley , ci sono stati 611 casi, in aumento di 98 (19,1%) con un tasso di 246,1, Enfield 668 casi, 106 (18,9%) 200,1 casi, Croydon 594 casi, in aumento di 91 (18,1%) con un tasso di 153,6 , Greenwich 496 casi, in aumento di 75 (17,8%) con un tasso di 172,3, Wandsworth 392 casi, in aumento di 57 (17%) con un tasso di 118,9, Sutton 315 casi, in aumento di 45 (16,7%) con un tasso di 152,7, Barnet 656 casi, in aumento di 88 (15,5%) con un tasso di 165,7, Southwark 373 casi, in aumento di 50 (15,5%) con un tasso di 117, Lambeth 396 casi, in aumento di 45 (12,8%) con un tasso di 121,5, Islington 282 casi, in aumento di 27 (10,6%) con un tasso di 116,3, Newham 860 casi, in aumento di 71 (9%) con un tasso di 243,5, Tower Hamlets 693 casi, in aumento di 25 (3,7%) con un tasso di 213,4 e Hillingdon 521 casi, in aumento di 19 (3,8%) con un tasso di 169,8.

Hammersmith & Fulham ha registrato 173 casi, in calo di 36 (17,2%) con un tasso di 93,4, Hounslow 401 casi, in calo di 62 (13,4%) con un tasso di 147,7, Brent 483 casi, in calo di 71 (12,8%) con un tasso di 146,5, Ealing 561 casi, in calo di 65 (10,4%) con un tasso di 164,1, Kensington e Chelsea 162 casi, in calo di 16 (9%) con un tasso di 103,8, Richmond 159 casi, in calo di 13 (7,6%) con un tasso di 80,3, Westminster 237 casi, in calo di 19 (7,4%) con un tasso di 90,7, Camden 237 casi, in calo di 16 (6,3%) con un tasso di 87,8, e Redbridge 892 casi, in calo di 10 (1,1%) con un tasso di 292,2.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0