Boom di italiani a Londra: i dati della ricerca condotta dall’Università di Oxford

Boom di italiani a Londra: i dati della ricerca condotta dall’Università di Oxford

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il referendum sulla Brexit si avvicina e la tematica principale su cui si gioca l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea è sempre l’immigrazione dei cittadini europei verso Londra e l’intero Paese. L’Osservatorio sull’immigrazione dell’università di Oxford ha pubblicato ieri, 13 aprile, nuovi risultati in seguito a sue ricerche in questo campo. Il risultato? Sono soprattutto i cittadini di sei Stati UE – Italia, Spagna, Portogallo, Ungheria, Polonia e Romania – che partono con un biglietto di solo andata per la Gran Bretagna ed è a loro/noi che si deve l’80% della crescita della popolazione UE nel Regno Unito dal 2011.

Nel suo studio Pulling Power: Why Are EU Citizens Migrating to the UK?, l’Osservatorio di Oxford ha cercato di spiegare le cause di questa migrazione verso il Regno Unito e di predirne gli andamenti futuri. Il dato certo è che dal 2004, il numero di migranti europei nella terra d’Albione è più che raddoppiato, raggiungendo la quota di 3 milioni nel 2015. Per quanto riguarda gli italiani, sempre nel 2015, sono 176 mila i lavoratori che hanno deciso di abbandonare il Paese d’origine per trasferirsi oltremanica, 50 mila in più rispetto al 2011, quando la popolazione italiana nell’Isola si fermava a 126 mila persone. Gli spagnoli hanno conosciuto una crescita maggiore, da 63 a 175 mila, ma sono soprattutto polacchi e rumeni a costituire una grande comunità in Gran Bretagna, rispettivamente con una popolazione di 818 e 223 mila nel 2015. Tuttavia, nonostante l’aumento dell’immigrazione nel Regno Unito, è diminuito di 6,3 milioni (pari al 15%), tra il 2006 e il 2015, il numero di giovani migranti tra i 20 e i 34 anni provenienti da questi sei Paesi.

Oltre ai motivi che rendono il Regno Unito attrattivo da sempre, come la possibilità di parlare inglese e la presenza di comunità di migranti molto grandi e integrate, ci sono altri fattori che hanno influenzato la migrazione degli ultimi anni. L’Osservatorio ha confermato che la ragione principale che spinge gli abitanti del Sud Europa a migrare è il forte livello di disoccupazione – mentre l’occupazione a Londra è cresciuta di 1 milione di unità tra il 2012 e il 2014, in Italia è scesa di 425 mila, in Spagna di 375 mila e in Portogallo di 68 mila – mentre i cittadini dell’Est Europa sono alla ricerca di salari più alti (in UK i salari sono 1,8 volte più alti che in Polonia e 4,2 volte maggiori che in Romania).

Cosa cambierà in futuro? Non essendoci un singolo fattore che spinge le persone a emigrare, è difficile fare previsioni. Tuttavia, Madeleine Sumption, direttrice dell’Osservatorio, ha detto: “Ci sono molti fattori da considerare. È comunque probabile che alcuni, come i salari bassi nei Paesi dell’Est Europa, non si risolveranno nel breve periodo, mentre altri potrebbero modificarsi a breve, come il livello di disoccupazione nel Sud”. Si potrebbe dedurre quindi che se nel breve e medio termine, in Italia, Spagna e Portogallo i livelli di occupazione tornassero ad aumentare, l’emigrazione verso il Regno Unito diminuirebbe fortemente, mentre più difficile è prevedere in un futuro prossimo un arresto dei flussi migratori da Polonia, Ungheria e Romania.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti