Logo Londra Da Vivere
NEWS

I Labour presentano un emendamento per un secondo referendum sulla Brexit

|
EU Network

Il Partito Laburista, il 21 gennaio 2019, ha presentato un emendamento alla Camera dei Comuni per fare votare i suoi membri sull’ipotesi di un secondo referendum sulla Brexit. È la prima volta che i Labour formalizzano la richiesta di un nuovo voto popolare: questo perché il leader dell’opposizione, Jeremy Corbyn, ha sempre visto il ricorso a un secondo referendum come un’extrema ratio, preferendo trovare un modo per andare a elezioni anticipate e diventare nuovo Primo Ministro.

Tuttavia, il governo di Theresa May si trova nel caos e con mancanza di vere alternative dopo la bocciatura dell’accordo negoziato con l’UE sull’uscita del Regno Unito dall’Unione; di conseguenza, la pressione dei Labour più europeisti si fa sentire e da qui deriva la decisione di Corbyn di presentare l’emendamento.

Questo, però, non significa che ci sarà automaticamente un secondo referendum. I motivi sono diversi. Innanzitutto, l’emendamento chiede al Parlamento di considerare o il piano alternativo proposto dai Labour per la Brexit (il Regno Unito dovrebbe continuare a fare parte dell’unione doganale e avere stretti legami con il mercato unico europeo) oppure l’ipotesi di un secondo voto. Questo pur di scongiurare l’ipotesi no-deal, ossia l’uscita dall’Unione Europea senza accordo.

Inoltre, anche se la Camera approvasse il voto popolare, il referendum non sarebbe ampio come il primo (la cui domanda era: “Vuoi rimanere nell’UE o no?”), ma i cittadini sarebbero chiamati a esprimere la loro su un accordo ben preciso, documento che al momento non esiste. Infine, anche nel caso si arrivasse a un accordo e al voto favorevole della Camera sul secondo voto, la dirigenza del partito laburista si riserva comunque la possibilità di non indire il nuovo referendum, basandosi sulle condizioni politiche del momento.

Il tuo voto: 1
Voti totali: 1