Corsie preferenziali per le anatre…solo a Londra!

Corsie preferenziali per le anatre…solo a Londra!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Mi piace quando l’uomo permette agli animali di rivendicare i loro diritti e in questo caso, anche i loro spazi.

E per spazi non intendo il divano di casa che abbiamo amorevolmente lasciato al nostro quadrupede come suo territorio esclusivo e neppure di quella sua sedia preferita che guai se ti ci siedi perché una coda scodinzolante potrebbe non avere pietà per quell’errore fatale… no no, mi riferisco a qualcosa di più.

Ebbene, Londra colpisce ancora in fatto di sorprese; Canal and River Trust ha tenuto a battesimo la nascita delle corsie preferenziali per le anatre, che stanno ridisegnando il paesaggio che costeggia i fiumi e i canali di cui sono ricamate l’Inghilterra e il Galles.

Quindi ciascuno si metta in fila, una sola stradina e due corsie, da una parte l’uomo e da una parte l’anatra, tutto rigorosamente ordinato e disciplinato in tipico stile inglese; sembra la classica stravagante trovata nata solo per fare notizia e invece l’esigenza è reale, ossia quella di riorganizzare gli spazi stretti di queste stradine note come alzaie -che corrono lungo gli argini dei corsi d’acqua- che da sempre sono “abitate” dalla anatre ma che da qualche tempo, sono altresì divenute il simbolo del no-stress e richiamano ciclisti, sportivi, pescatori, escursionisti e visitatori che vogliono staccare la spina del pc e del cellulare per tornare ad immergersi, senza andare molto lontano da casa, nel verde e nella pacifica idea di aver abbandonato clacson e frastuono solo qualche chilometro più in là.

La verità è che bisognava trovare una soluzione a questo sovraffollamento. E quindi il patron della Canal and River Trust, Richard Perry, all’interno del programma di rivalorizzazione delle alzaie -che include anche regole di comportamento per i visitatori allo scopo di migliorare la fruibilità di questi piccoli luoghi di pace a portata di mano- ha voluto fare da vigile urbano tra chi ha i piedi e chi ha le zampe.

C’è da dire che ho messo subito in dubbio che un palmipede potesse rispettare una corsia, ma non per sfiducia nell’anatra, giusto perché non è detto che debba aver frequentato una buona scuola guida e conoscere l’obbligo delle segnaletiche. Eppure l’anatra inglese è avanti anni luce e merita la patente honoris causa: zampetta nello spazio assegnato alla sua “specie” e va spedita come un eurostar.

Si inaugura una nuova convivenza stradale, buffa e rigorosa; e pensare che da qualche altra parte i pedoni ancora devono sperare che gli spuntino le ali per tornare a casa sani e salvi. Chissà cosa ne penserebbero di questa storia le anatre inglesi.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti