10 cose che i londinesi dicono vs. quello che veramente intendono

10 cose che i londinesi dicono vs. quello che veramente intendono

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Capire gli inglesi non è sempre facile, non solo a causa dei tanti accenti e dello slang, ma anche perché, diciamocelo, non sono sempre molto diretti. La loro a volte eccessiva formalità nell’esprimersi porta la maggior parte degli inglesi a nascondersi dietro perifrasi ed espressioni che possono “ingannare” i non madrelingua, che finiscono così per capire fischi per fiaschi.

Per imparare a decifrare soprattutto il linguaggio degli abitanti di Londra, ecco allora che oggi scopriamo insieme le 10 cose che i londinesi dicono vs. quello che in realtà intendono.

  1. L’abusato “Sorry (“scusa”) in realtà è sintomo di un atteggiamento passivo-aggressivo. Pesti un piede a un londinese? Questo ti chiede scusa a sua volta, senza un motivo apparente, ma in realtà dentro di sée di sta insultando pesantemente.
  2. “My Friday got a bit messy” (“Ho avuto un venerdì piuttosto incasinato”): molto probabilmente il vostro amico londinese si sta riferendo ai bagordi del venerdì. Prendendo alla lettera l’invito a let’s get wasted, quello che la persona ti sta comunicando è che non ha nessuna idea di come è tornato a casa in vita, svegliandosi poi la mattina successiva in mutande e indossando un cappello probabilmente rubato.
  3. “Thursdays are the new Friday” (“I giovedì sono i nuovi venerdì”): alcol sempre, alcol ovunque, il binge drinking è l’unico stile di vita del tuo interlocutore.
  4. “I’ll definitely get the Night Tube home” (“prenderò sicuramente la Night Tube per tornare a casa”): “quando mai, alla fine la comodità di Uber vince sempre (in barba ai risparmi)”.
  5. “I’m going to pack lunch every day of this week” (“Mi porterò il pranzo ogni giorno questa settimana”), quando in realtà il nostro caro londinese non ha nessuna idea di utilizzare il suo lunch box. Dopotutto, hanno aperto un nuovo mercatino di street food che merita di essere provato, no?
  6. “My rent is not bad, for such a great location!” (“Il mio affitto non è male per un posto così bello”): piange dentro pensando al conto in verde per pagare l’affitto della sua mini stanza in casa condivisa con 7 altri coinquilini e un bagno. Come non capirlo?
  7. “I’m trying to save money” (“sto cercando di risparmiare”): può essere un messaggio in codice per dirti “sto morendo di fame” o “offrimi un drink subito”.
  8. “We need to get there…” (“dobbiamo andarci”): “Ovviamente, non ci andremo mai”.
  9. “I might be free then…” (“potrei essere libero poi…”): “Sono libero, ma preferisco starmene sul divano a guardare Netflix mangiando pizza”.
  10. “I tried this amazing new place the other day” (“Ho provato questo nuovo posto meraviglioso l’altro giorno”): “ma quanto sono figo a vivere a Londra?”
Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti