NEWS/CURIOSITA-NEWS

15 curiosità che (forse) non conoscevate su Brick Lane!

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Brick Lane è una delle strade più celebri dell’East London. Situata nel quartiere di Tower Hamlets, è conosciuta per i mercatini e i ristoranti di cibo etnico e di bagel e per i negozietti vintage di dischi, libri e abiti. Dopo le curiosità su Covent Garden e Piccadilly Circus, oggi vi parliamo delle 15 curiosità su Brick Lane!

#1. Brick Lane è lunga circa 1 km e collega, partendo da sud e andando verso nord, Whitechapel High Road a Bethnal Green Road, attraversando Spitalfield.

#2. Il nome originale della strada era Whitechapel Lane. Si pensa che il nome Brick Lane risalga al XV secolo poiché in quel periodo molti fabbricatori di mattoni e tegole aprirono i loro negozi nella via.

#3. Nel XVII secolo la strada è diventata famosa per le birrerie: l’antica Black Eagle Brewery, appartenete alla famiglia Truman, aprì in quel secolo e ha chiuso nel 1989. Oggi, nei locali della storica birreria – nel 1853 era la più grande al mondo – si trovano due nightclub molto noti: il 93 Feet East e il The Vibe Bar. Anche il mercato di Brick Lane è nato nel corso del 1600.

#4. Brick Lane è conosciuta dai londinesi anche con il nome Banglatown. Il motivo? Dalla fine del 1900, questa area è diventata una delle preferite dagli immigrati provenienti dal Bangladesh, soprattutto quelli provenienti dalla regione del Syheti.

#5. Non a caso, Brick Lane è stata nominata la Capitale del Curry nel 2012: nella via ci sono oltre 50 ristoranti in cui si può gustare cibi a base di curry. Il più famoso è Aladin, uno dei locali preferiti del Principe Carlo!

#6. Il mercatino di Brick Lane iniziò a essere aperto di domenica nel 1800: allora, però, era inusuale tenere aperto un mercato o un’attività economica qualsiasi nel “giorno del Signore”. Tuttavia, l’area all’epoca era prevalentemente abitata da ebrei che festeggiano il Sabbath di sabato: per questo fu possibile emanare una dispensa speciale che permettesse l’apertura del mercatino di Brick Lane di domenica.

#7. L’area è anche conosciuta per i graffiti e le opere di street art: Bansky, Stick, D*Face, Ben Eine e Omar Hassan sono tra gli artisti più attivi in Brick Lane.

#8. La via è stata utilizzata come location per diversi video musicali, tra cui Glory Days dei Just Jack e All These Things That I’ve Done dei The Killers.

#9. Inoltre, molte scene della famosa serie tv della BBC Luther con Idris Elba sono girate a Brick Lane.

#10. Nel 2003 Monica Ali ha scritto un romanzo ambientato nella via, chiamato proprio Brick Lane, da cui è stato tratto un film nel 2007. Il romanzo ha causato un’accesa protesta da parte dei residenti a causa del ritratto negativo che ne risultava. Una parte della comunità bengalese si è anche opposta alle riprese per il film a Brick Lane, costituendo una campagna di protesta “Campaign Against Monica Ali’s Film Brick Lane”. Per questo, la troupe dovette cambiare location.

#11. Altri libri sull’area in questione sono Salaam Brick Lane di Tarquin Hall, On Brick Lane di Rachel Lichtenstein e An Acre of Barren Ground di Jeremy Gavron.

#12. Tra il 1976 e il 1976 è stata anche realizzata un’ampia collezione di fotografie di personaggi e venditori che lavoravano a Brick Lane. Le foto sono state scattate da Fran May, uno studente di fotografia alla Royal College of Art.

#13. In passato, Brick Lane era posseduta da una famiglia, gli Osborne (dal 1720 Osborn) – Baronets of Chicksand in the County of Bedford, i cui possedimenti sono sopravvissuti fino al 1970. La storia della famiglia, tuttavia, continua a vivere tutt’oggi: i nomi delle strade collegate a Brick Lane derivano dagli Osborn. Ad esempio Chicksand Street riprende il nome del paese di Chicksands nel Bedfordshire, da dove proveniva la famiglia, così come Osborn Place e Osborn Street derivano il loro nome da quello della casata. Heneage Street e Finch Street, invece, sono state chiamate così in onore di Lady Heneage Finch, moglie di George Osborn, quarto baronetto, mentre Old Montague Street fa riferimento al cognome della madre di George Osborn, Mary Montague.

#14. Brick Lane è anche famosa per i bagel, panini a forma d’anello che derivano dalla cucina ebraica e che possono essere riempiti a piacimento. La curiosità è che a Brick Lane i bagel vengono chiamati “beigel”. Il negozio londinese di beigel più antico e aperto 24 ore su 24 è il Beigel Bake. Il vicino Beigel Shop (conosciuto anche come “The yellow one”) è stato il primo, quest’anno, a vendere beigel arcobaleno.

#15. Un tempo si diceva che se la tua bici veniva rubata a Londra l’avresti sicuramente ritrovata in vendita al mercato di Brick Lane e l’avresti potuta ricomprare. Grazie a un inasprimento dei controlli di polizia, pian piano la zona è diventata celebre per gli abiti vintage, i cd, i libri e il cibo.

Il tuo voto: 5
Voti totali: 1

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto