Logo Londra Da Vivere
NEWS/CURIOSITA-NEWS

Il crimine a Londra? Ecco cosa pensano davvero gli inglesi

|
EU Network
AEMORGAN

Tra i tanti primati positivi quest’anno Londra, purtroppo, si è aggiudicato anche un record negativo, classificandosi come città più violenta di New York. A parlare sono i dati: basti pensare che nei primi tre mesi del 2018 la City già aveva superato la metropoli americana in fatto di omicidi con 50 crimini contro 48.

Secondo gli esperti, questo fenomeno è dovuto ai provvedimenti del governo americano atti ad arginare il fenomeno. A parità di popolazione, quindi circa otto milioni di persone, New York, infatti, è riuscita a ridurre i crimini con una politica di tolleranza zero da parte della polizia: in questo modo negli ultimi vent’anni gli omicidi sono passati da duemila a 230 l’anno. Stessa cosa non è avvenuta a Londra così da favorire il dilagare della violenza.

Forti del vantaggio della propria città, la redazione del “New York Times” ha lanciato un sondaggio su Twitter inerente all’argomento ed ha invitato i lettori a raccontare le loro storie di microcriminalità vissute a Londra. Gli internauti inglesi hanno colto la palla al balzo per difendere la City e, così, si sono sbizzarriti con delle risposte fantasiose e alquanto sarcastiche.

C’è chi, ad esempio, ha parlato delle molestie subite in metropolitana: “Qualcuno una volta mi ha chiesto che libro stavo leggendo sulla Tube, sono rimasta così inorridita da dover scendere tre fermate in anticipo per sfuggire alle molestie” .

E ancora: “Qualcuno mi ha sorriso sulla metro ieri. Gli ho spiegato che era illegale”.

C’è chi, invece, ha raccontato la sua brutta avventura ad una cena: “Ho portato lo champagne ad una cena. I padroni di casa lo hanno messo via nella loro credenza speciale e hanno servito del prosecco. Ovviamente ho risposto che andava bene. Era il 2001 e sono ancora nervoso”.

Ma la risposta migliore è stata sicuramente questa: “Sono andato a Notting Hill, ho bussato ad una porta e né Hugh Grant né Rhys Ifans hanno risposto, il che è contrario alla Misrepresentation Act 1967”.

Il tuo voto: 1
Voti totali: 1