NEWS/CURIOSITA-NEWS

I 20 luoghi che gli amanti del rock non possono perdere a Londra

|


Londra da sempre è fucina di arte, soprattutto se si parla di cultura musicale. Sono tantissimi gli artisti nati nella capitale inglese o che, comunque, hanno vissuto la città che per eccellenza pullula di vibrazioni creative. Molti solisti o gruppi inglesi sono diventati delle vere e proprie icone della musica rock e pop ed oggi è un onore visitare i luoghi simbolo delle loro creazioni. Ecco le mete più significative della cultura musicale inglese che gli appassionati non possono perdersi!

Beatles – Abbey Road

I Beatles scelsero Abbey Road come scenario della copertina dell’omonimo album uscito nel 1969. È l’unica loro copertina in cui non appare nè il titolo nè il nome del gruppo: la foto immortala i quattro cantanti che attraversano la famosissima strada sulle strisce pedonali.

La casa di John Lennon e Yoko Ono – 34 Montagu Square

Questo appartamento, situato nel quartiere di Marylebone e comprato da Ringo Starr nel 1965, è stata la casa di John Lennon e Yoko Ono nel 1968. Proprio lì aveva vissuto in precedenza sia Paul McCartney che Jimi Hendrix.

La casa museo di Jimi Hendrix  – 23 Brook Street

Per alcuni anni Jimi Hendrix visse a Londra in questa casa: attualmente l’edificio è diventato un vero e proprio museo dedicato all’artista.

100 Club, Century House, 100-102 Oxford St, Fitzrovia, London

Si tratta di un locale storico di Oxford Street aperto nel 1942. Ha ospitato i concerti delle leggende della musica, tra cui Louis Amstrong, i Clash e i Rolling Stones.

Pink Floyd – Battersea Power Station

L’immagine della centrale termoelettrica, costruita nel 1933 sulle rive del Tamigi e in disuso dagli anni Ottanta, è stata usata come copertina dell’album del 1977 “Animals” dei Pink Floyd.

David Bowie – 23 Heddon Street

Su questa strada è stato fotografato David Bowie per la copertina del suo album “The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars”.

Bob Marley – 34 Ridgmount Gardens

Nel 1972 Bob Marley ha vissuto in questo appartamento della Ridgmount Gardens: attualmente è anche presente una targa sul muro in suo onore.

Sex Pistols – 430 King’s Road

Nel 1975 Vivienne WestWood e Malcolm McLaren aprirono qui il loro negozio “Sex” che ispirò i Sex Pistols nella scelta del nome della loro band. Attualmente il negozio esiste ancora ma ha cambiato nome in “World’s End”.

Olympic Studios, 117-123 Church Rd, Barnes, London

In passato gli Olympic Studios erano tra gli studi di registrazione più famosi al mondo, tanto da aver ospitato miti come i Led Zeppelin e i Beatles. Oggi allo studio si è aggiunto un cinema, un bar, una sala da pranzo e un club.

Freddie Mercury – 1 Logan Place

Freddie Mercury, frontman dei Queen, ha vissuto per molti anni a Londra in questo appartamento nel quartiere di Kensington. Ancora oggi molti fan lasciano biglietti e dedicate sulla recinzione della casa.

Oasis – Berwick Street

Il quartiere di Berwick Street è stato reso famoso dagli Oasis: questa strada è immortalata sulla cover di uno dei loro album più famosi “(What’s the Story) Morning Glory?”.

The Good Mixer, 30 Inverness St, Camden Town, London

In questo locale di Camden si sono esibiti i più importanti cantanti inglesi degli anni Novanta, tra cui i Blur, i Pulp, Pete Doherty ed Amy Winehouse.

Amy Winehouse – 30 Camden Square

In questo casa Amy Winehouse ha vissuto per molti anni e venne trovata morta nel suo letto il 23 Luglio 2011. Attualmente è stata venduta a privati ma continua ad essere visitata da molti fan.

Il tuo voto: 1
Voti totali: 1

EU Network