NEWS/CURIOSITA-NEWS

15 curiosità che (forse) non conoscevate sul Tamigi

|


Uno dei simboli di Londra è senz’altro il Tamigi: il fiume che attraversa la capitale britannica contribuisce a rendere unica la città. Passeggiare lungo le due sponde del fiume è sicuramente un’esperienza suggestiva: dai maestosi ponti, primo tra tutti il Tower Bridge, alla contrapposizione dei grattacieli della City con le opere architettoniche del passato, dalla Tower of London fino al Big Ben, dai mercatini di Southbank fino al London Eye, lo spettacolo è assicurato. Tuttavia, pensate di conoscere tutto sul Tamigi? Vediamo di approfondire il nostro sapere sul fiume di Londra con queste 15 curiosità!

#1. La sorgente del Tamigi è situata nel Gloucesteshire, più in particolare nella località di Thames Head.

#2. Due terzi dell’acqua potabile di Londra deriva dal Tamigi (ops, ops).

#3. Oltre 200 ponti attraversano il fiume.

#4. Il ponte più lungo, con i suoi 812m, è il  Queen Elizabeth II Bridge.

#5. Circa 125 specie di pesce vivono nel fiume, incluso il grande luccio.

#6. Ci sono 45 moli lungo il fiume. Ogni anno si tiene anche il World Pooshstick Championship al Day’s Lock vicino a Oxford (se vi interessa quest’anno la data dell’evento dedicato a Winnie the Pooh è il 3 giugno).

#7. Durante l’estate del 1858 fu sospesa la seduta del Parlamento perché il puzzo delle acque nere che scorreva nel fiume era troppo nauseabondo.

#8. Westminster Bridge è pitturato di verde per riprendere il colore delle panchine della House of Common.

#9. Nel 1736, un giovane Benjamin Franklin, arrivato a Londra, trascorreva il suo tempo libero insegnando a due suoi amici a nuotare, facendo pratica nel Tamigi.

#10. Nell’estate del 1977, i Sex Pistols hanno suonato live sulla Queen Elizabeth Riverboat attraversando il Tamigi.

#11. Un tempo era possibile anche vedere nuotare un orso polare nel fiume: nel 1252, Re Enrico II ricevette in regalo un orso polare dalla Norvegia; l’animale era tenuto principalmente all’interno della Tower of London, ma veniva liberato per andare a caccia di pesci nel Tamigi.

#12. Il Tamigi si è ghiacciato diverse volte. Nel 1607, Londra tenne la prima “Frost Fair”: sul Tamigi congelato furono allestite bancarelle, spettacoli, giochi e molto altro. L’ultima volta in cui il fiume si è ghiacciato risale all’inverno 1814 (ma per soli quattro giorni), mentre il record per la “glaciazione” più lunga va all’inverno 1683-84, quando il fiume rimase ghiacciato per oltre due mesi.

#13. Il pittore francese Claude Monet ha dipinto il Tamigi ben tre volte.

#14. Durante il Blitz, i piloti nazisti della Luftwaffe sostenevano di usare la forma del Tamigi per orientarsi e individuare i target su cui sganciare le bombe.

#15. L’origine del nome è incerta. Tuttavia, l’ipotesi più accreditata è che “Tamigi” derivi dal termine celtico “Tamesas”, che significa “scuro”.

Il tuo voto: 2
Voti totali: 1

EU Network