Elizabeth Line: la nuova linea della metro londinese e la visita della Regina da cui prende il nome

Elizabeth Line: la nuova linea della metro londinese e la visita della Regina da cui prende il nome

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

La Regina Elisabetta II non solo è diventata nel 2015 la sovrana britannica ad aver regnato più a lungo nella storia, sottraendo così il titolo alla Regina Vittoria, ma adesso può vantare di avere due linee di trasporti londinesi dedicate a lei, proprio come la Victoria Line e la Victoria Railway Station furono intestate alla celebre trisnonna.

La Jubilee Line, infatti, deve il suo nome al Giubileo d’Argento che, nel 1977, aveva segnato i 25 anni di regno della Regina Elisabetta; tuttavia, arriva adesso il vero tributo: la nuova linea di treni veloci destinata a migliorare sensibilmente la vita di milioni di pendolari, londinesi è stata ribattezzata Elizabeth Line, proprio per celebrare la quasi 90enne sovrana.

Il nuovo tracciato – fino a poco tempo fa conosciuto come “Crossrail” – si snoderà per oltre 100 kilometri e connetterà il Berkshire e il Buckinghamshire all’Essex, attraversando il centro di Londra per lo più sottoterra. Partendo dalla cittadina di Reading, a ovest, la linea passerà per Ealing Broadway, Paddington, Bond Street, Tottnham Court Road, Liverpool Street e Stratford per poi addentrarsi nell’Essex, fino a Shenfield.

Tuttavia, sono previsti altri due snodi: uno a est che toccherà Canary Wharf e giungerà ad Abbey Wood e l’altro a ovest che permetterà di raggiungere l’aeroporto di Heathrow. La Elizabeth Line è stata progettata al fine di decongestionare il traffico sulle altre linee della metropolitana, ma anche per rendere i percorsi dei pendolari più veloci: con 24 treni a ora, serviranno circa 20 minuti per andare dal centro di Londra all’aeroporto di Heathrow e solo 45 minuti per spostarsi nelle cittadine e nei distretti al di fuori della metropoli.

Questo progetto è vitale per rispondere ai bisogni della crescente popolazione nella capitale – ha detto Mike Brown, Commissario dei trasporti londinesi – La Elizabeth line trasformerà il modo in cui le persone si muovono nella nostra città e permetterà a Londra di progredire, contribuendo al benessere economico di tutto il Paese”.

Martedì 23 febbraio, la Regina Elisabetta in persona si è recata alla stazione di Bond Street, dove è scesa con un ascensore industriale a 28 metri di profondità, per incontrare gli operai e gli ingegneri impegnati nella costruzione dei nuovi tunnel sotterranei e per scoprire il logo della nuova Elizabeth Line. Per l’occasione Her Majesty ha indossato un cappottino e un cappello viola, per essere in pendant con il colore con cui sarà contrassegnata la nuova linea. Il sindaco di Londra, Boris Johnson, che ha accompagnato la sovrana nella visita, ha dichiarato: “Credo che sia meraviglioso che una linea così importante della nostra capitale porti un nome talmente significativo per il nostro Paese. Oltre a migliorare i viaggi attraverso la nostra città, la Elizabeth Line sarà un tributo alla nostra sovrana dal regno più longevo”.

Quando entrerà in funzione la Elizabeth Line? Il tratto da Liverpool Street a Shenfield verrà aperto a maggio 2017, mentre quello da Heathrow a Paddington l’anno successivo. Tuttavia, l’inaugurazione ufficiale si terrà solo a dicembre 2018, quando tutti i tunnel centrali che collegano Paddington a Abbey Wood sarranno aperti. Si potrà invece raggiungere Shenfield (sempre da Paddington) a maggio 2019. L’intera tratta sarà servita regolarmente a partire da dicembre 2019.

Qui potrete trovare la mappa della Elizabeth Line.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti