NEWS

Londra, ecco Il muro che ti restituisce la pipì!

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Donne di Londra, il momento della rivincita è arrivato! Se da sempre invidiate la facilità maschile con cui, con due pinte in corpo ed un freddo cane in giro, si girano discreti contro un muro per “liberarsi” senza dover nemmeno piegare le gambe, potete rilassarvi. La pacchia, per loro, è finita, almeno ad Hackney.

Standing Pipì libera ad imbrattare muri e marciapiedi? Non più dal dicembre scorso, quando il Council locale ha deciso di ricoprire di uno speciale liquido repellente alcuni muri in due località di Shoreditch e Dalston. Ovviamente senza rivelare l’esatta collocazione della vernice repellente per non rovinare l’effetto sorpresa, ovvero il liquido respinto dalla superficie che torna indietro ad annaffiare scarpe e pantaloni dell’incauto di turno. Un’iniziativa la cui sperimentazione ha preso il via in occasione delle feste appena trascorse, per fronteggiare l’emergenza legata ai tanti party natalizi con conseguente fiumana di gente che si riversa in strada e cerca soluzioni creative per alleggerirsi dopo un surplus di alcolici.

Scelta comprensibile se si considera che le spese locali per la pulizia di mura e marciapiedi da macchie di pipì e odori sgradevoli sono di ben 100.000£ annui e i residenti non sono certo felici di veder trasformata la propria soglia di casa in toilette pubblica a cielo aperto. Fino a questo momento le soluzioni messe in atto dalle autorità locali non avevano portato i risultati sperati, neanche le oltre 500 multe inflitte per questa infrazione durante l’anno appena trascorso. Chissà se la “peeback” strategy saprà fare meglio.

In ogni caso la soluzione “creativa” del Council ha suscitato, come c’era da aspettarsi reazioni opposte anche sui social: chi plaude all’iniziativa (o ci scherza su) e chi lamenta proprio una scarsità di bagni pubblici nella zona a disposizione dei volenterosi che rinuncerebbero alla praticità in nome del senso civico. E voi da che parte state?

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto