NEWS

Attivi a Londra gli shuttle pod, i mezzi senza conducente

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il futuro è arrivato! Lo diciamo ogni volta che una nuova tecnologia prende piede, e in quest’era di conquiste tecnologiche che va avanti ormai da un secolo e mezzo sembra che il futuro arrivi ogni giorno. Ma parliamoci chiaro: alcune conquiste sono più fantascientifiche di altre. Quante volte abbiamo sognato un auto che si guidasse da sola? Ebbene, quel sogno non è più così lontano grazie agli shuttle pod a guida autonoma.

Un progetto che era stato introdotto dal Transport Research Laboratory di Greenwich e che è stato in fase di test tutta l’estate scorsa, gli shuttle pod sembrano ormai una realtà concretizzata. Ma perché questo nome? Il pod, o capsula, è per via della forma di questi mezzi di trasporto elettrici, che non sono delle vere e proprie auto ma più che altro dei contenitori di persone su quattro ruote. E il loro scopo è quello di offrire un servizio navetta, ovvero shuttle, verso l’aeroporto di Heathrow.

La tecnologia della guida autonoma è già presente da anni, ma il grosso salto avanti è quella di rendere il mezzo accessibile anche in percorsi dove possono essere presenti ostacoli mobili: non tratte programmate, quindi, ma strade vere e proprie.

Non parliamo comunque di autostrade o percorsi molto trafficati. Per lo più di zone chiuse al traffico veicolare. La navetta raggiunge infatti una velocità di crociera molto limitata: solo 16 km/h. Il suo cervello elettronico, guidato da sensori laser e telecamere, le permette comunque di schivare pedoni, ciclisti e animali.

Harry, questo il nome con cui è stata ribatezzata questa meraviglia tecnologica, è pensata per un servizio di trasporto personalizzato: prenoti la navetta, ti viene a prendere a casa e ti porta dritta all’aeroporto.

Non esaltiamoci troppo, però. I test, che hanno visto la partecipazione di diversi volontari, non sono ancora conclusi del tutto. E per quanto riguarda l’autonomia, be’, l’auto non ha né volante né pedali, ma ha pur sempre uno stewart di bordo pronto a intervenire in caso di malfunzionamento. Non siamo ancora arrivati al punto di affidarci totalmente alla guida autonoma. Ma chissà, in un ulteriore futuro…

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto