In arrivo a Londra gli shuttle pod, i mezzi senza conducente. Vuoi testarli? Ecco come fare!

In arrivo a Londra gli shuttle pod, i mezzi senza conducente. Vuoi testarli? Ecco come fare!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Gli shuttle pod che collegano Londra ad Heathrow potrebbero verosimilmente diventare i nuovi mezzi di trasporto senza conducente della capitale.

In realtà si tratta di molto più di un’indiscrezione: il progetto è già confermato e si stanno cercando volontari per testare i nuovi veicoli.

L’esperimento sarà condotto dal TRL di Greenwich (Transport Research Laboratory) e prenderà il via quest’estate. Il team del progetto, che vanta partner di spicco come Westfield Sportscars, Heathrow Enterprises e Oxbotica, è alla ricerca un range di persone il più eterogeneo possibile, in modo da poter analizzare e capire come reagiscono persone diverse all’utilizzo di mezzi che si muovono senza l’ausilio umano.

Il percorso per il test è ancora da definire nei dettagli, ma l’intento è di non confinare i pod in aree dismesse e isolate, bensì di utilizzarli in luoghi pubblici e altamente frequentati da pedoni e ciclisti. Altrimenti che test sarebbe?

Come già accade con la DLR, i veicoli avranno però uno steward a bordo per intervenire in caso di emergenza. Gran parte del lavoro di sperimentazione sarà fare in modo che i sensori e il software di riconoscimento degli ostacoli funzionino alla perfezione in tutte le condizioni reali di viaggio.

I pod sono in funzione per i collegamenti con Heathrow già da cinque anni, ma cosa ben diversa è trovarsi in mezzo alla strada rispetto ad avere appositi percorsi separati: uno degli obiettivi è infatti quello di utilizzare questi mezzi, previa prenotazione, anche per tratte personalizzabili dagli utenti.

Se tutto andrà come si spera, presto dovremo abituarci a viaggiare senza autista. E a pensare che il futuro è già presente!

Vuoi offrirti volontario per la sperimentazione ed esserne testimone? Non è garantita la selezione, ma puoi provarci scrivendo a gateway@trl.co.uk.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti