NEWS

L’inquinamento dell’aria a Londra è paragonabile a quello di Fukushima

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
TELC

Che vivere in una grande città avesse degli svantaggi notevoli rispetto al trasferimento in provincia o in aperta campagna lo sapevamo tutti, ma i risultati di uno studio sviluppato dai ricercatori dell’Università di Bristol prospettano una situazione davvero drammatica, per quanto riguarda l’inquinamento dell’aria.

Secondo gli accademici coinvolti, infatti, i danni per la salute derivanti dalla scarsa qualità dell’aria londinese sono paragonabili senza difficoltà all’esposizione di radiazioni nucleari da fall-out nucleare (ovvero la ricaduta di materiale pericoloso sotto forma di cenere e pulviscolo).

Insomma, per usare un’immagine direttamente comprensibile sia ai lettori più giovani che a quelli con qualche anno sulle spalle, vivere a Londra, almeno da questo punto di vista, non è poi tanto diverso che risiedere nelle vicinanze di Fukushima e Chernobyl, teatri di famosi disastri nucleari.

Bisogna specificare che la ricerca si concentrava sulla conferma dell’esistenza di rischi minori in questi due siti rispetto a quanto temuto in passato. Tuttavia non si può dire che questo dettaglio modifichi in modo essenziale la situazione allarmante cui sono sottoposti i cittadini di Londra, i quali, secondo il London Atmospheric Emissions Inventory presentato lo scorso ottobre, respirano ogni giorno livelli pericolosi di particelle di PM2.5 (particolato fine in grado di penetrare profondamente nei polmoni).

I rischi sono, tra gli altri, quelli ben noti di cancro ai polmoni, sindromi cardiache e difetti congeniti alla nascita: come riportano recenti ricerche, ogni area della città di Londra presenta livelli di PM2.5 che superano i limiti fissati dalla World Health Organisation.

Le preoccupanti conseguenze di questo stato di cose riguardano in modo particolare circa 7,9 milioni di persone – ovvero il 95% della popolazione della capitale – le quali risiedono in zone che superano tali livelli del 50% o più. Il centro di Londra, poi, fa registrare livelli annuali pari a quasi il doppio degli estremi riconosciuti dalla WHO.

La scoperta ha suscitato la vibrante reazione del sindaco della città, Sadiq Khan, ma già da tempo è noto come Londra sia la zona peggiore in termini di inquinamento dell’aria in tutto il Regno Unito, per quanto vi siano evidenze scientifiche sempre più consistenti in merito a un allargamento di questa situazione anche a cittadine più piccole e borghi in aperta campagna.

L’ufficio del sindaco ha ricordato come metà delle emissioni derivino da fonti esterne alla città, mentre la maggior parte di quelle interne provengano dall’abrasione di pneumatici e freni, dai siti edilizi e dalla combustione di materiale ligneo: negli ultimi tempi Khan ha svelato a questo proposito alcuni piani e misure da attuare in merito alla limitazione dell’uso di stufe a legna a partire dal 2025 e a una stretta sull’utilizzo di automobili a diesel di vecchia generazione all’interno della cerchia cittadina.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto