NEWS

Photospotland, l’app (di un italiano) che consente di “mappare” Londra

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Si chiama Mario Bucolo, è un fotografo e imprenditore siciliano, ed ha avuto l’idea di creare un applicazione per smartphone che permette di “mappare” la City con fotografie fatte da cittadini e turisti.

La piattaforma è stata lanciata nella giornata di ieri e si chiama Photospotland: si tratta, in sostanza, di una sorta di guida che indica i punti migliori in cui mettersi per fotografare monumenti noti ma anche luoghi nascosti. Il funzionamento di questa community è semplice: si sceglie un posto ideale per poter scattare una foto e in quel luogo si trovano i parametri ideali per lo scatto migliore e si condividono assieme al resto della community. Ma non solo: nell’app sarà indicato anche come arrivare sul posto, qual è il periodo del giorno e dell’anno più favorevole per lo scatto, l’aeroporto e l’albergo più vicino (e al miglior prezzo) e la lista dei mezzi pubblici più comodi per arrivare. L’app si può anche utilizzare senza connessione dati ed è un continuo alimentarsi grazie alla community che offre sempre nuovi spunti.

Questa innovativa piattaforma, è già entrata a far parte dell’hub tecnologico di Londra: è infatti l’unica start-up italiana che si è conquistata un posto nel TravelTechLab del sindaco Boris Johnson, con il fine di promuovere tramite web e app il turismo della capitale britannica.

Assieme a Photospotland, partirà anche la campagna “Scopri Londra come un londinese” che dal 12 ottobre al 10 gennaio 2016 sarà aperta sia ai turisti che ai residenti con un concorso a premi.

Questo è senza dubbio un nuovo modello di imprenditorialità italiana dinamica e dal respiro internazionale” ha dichiarato Pasquale Terraciano, ambasciatore italiano a Londra.

Ma Bucolo non vuole fermarsi solo a Londra, l’intenzione è quella di portare nelle altre città la sua idea: “Puntiamo prima di tutto a New York, città molto simile a Londra, entrambe sono baricentri del turismo e dei social media“.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto