NEWS

WiFi accessibile anche sui treni della Tube: ecco quando!

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Quando arrivò il WiFi nella Tube di Londra sembrava un sogno poter essere costantemente collegati alla rete anche metri e metri sotto terra. Salvo poi rendersi conto che era abbastanza inutile, visto che la connessione funziona solamente all’interno delle stazioni, e non quando il treno è in movimento. E con una rete metropolitana che non ti fa aspettare un treno più di un minuto questo a cosa giova?

Da questo punto di vista Londra, che sembra sempre l’avanguardia tecnologica di altre capitali, è in realtà molto indietro rispetto ad altre città come Parigi, Berlino, New York, Tokyo e Seul. Ecco perché il sindaco Sadiq Khan, in accordo con TfL, ha pensato di voler colmare il divario per offrire questo servizio anche sui treni in corsa. La notizia è stata annunciata dal Financial Times.

A quanto pare infatti il sindaco vuole invitare numerosi provider di telecomunicazioni a partecipare a una gara d’appalto la settimana dopo le elezioni dell’8 giugno. E sembra che ci siano già molti nomi interessati a partecipare. Tra questi BAI Communications, già responsabile di aver fornito l’infrastruttura all’interno delle metro di New York e Toronto; Wireless Infrastructure Group, che a Londra ha già lavorato nell’installazione di antenne e ricevitori all’interno di vari centri commerciali e grattacieli come il Cheesegrater; e sembra che anche BT abbia dimostrato il proprio interesse.

Un investimento del genere da parte di TfL non beneficerebbe solo i viaggiatori, ma la compagnia stessa: l’enorme mole di dati raccolta dai viaggiatori potrebbe essere utilizzata per il miglioramento del trasporto pubblico, soprattutto in visione di progetti futuri come la recente collaborazione con la startup Citymapper per il suo servizio di bus.

Ma noi, nel caso, lo alzeremo mai lo sguardo dal cellulare per guardare il nostro vicino?

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto