“The people’s fridge”: il progetto di frigo comunitario arriva a Londra!

“The people’s fridge”: il progetto di frigo comunitario arriva a Londra!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lo spreco alimentare nel Regno Unito ha raggiunto livelli altissimi tanto che si parla di circa 17 miliardi di dollari di cibo non utilizzati e, in seguito, buttati via. Secondo le ultime indagini, le famiglie inglesi scartano in media 24 pasti commestibili al mese mentre, al contrario, più di otto milioni di cittadini nel Paese non hanno la possibilità di avere una dieta regolare perché economicamente disagiati.

Per cercare di ovviare a questo problema Olivia Haugton, una giovane volontaria, ha lanciato a inizio anno una campagna di fundraising per poter finanziare un progetto incentrato sul “The people’s fridge” già presente in Spagna e in Germania. La raccolta fondi ha riscosso grande successo ricevendo inaspettatamente donazioni per circa 2000£ così a marzo è stato possibile mettere in funzione il primo frigorifero comunitario nel quartiere di Brixton.

Sia cittadini che imprese come supermercati o altre tipologie di attività commerciali, possono donare cibi freschi che, altrimenti, verrebbero buttati via. Gli alimenti accumulati nel frigo sono a completa disposizione di tutti coloro che ne hanno bisogno e che, per difficoltà economiche, non possono permettersi di fare una spesa adeguata alla proprie esigenze.

Per quanto riguarda le donazioni è necessario seguire solo delle semplici regole: non posso essere categoricamente donate nè confezioni di latte aperto nè carne o pesce freschi; più specificatamente i cittadini privati possono lasciare il cibo solo interamente confezionato o, in alternativa, cibo fresco non mangiato, mentre solo i commercianti registrati possono donare cibo preparato o già cotto. Attualmente un gruppo di volontari ha il compito di controllare tutto il cibo donato e, inoltre, si occupa della pulizia e dell’ordine del frigo stesso.

L’iniziativa ha avuto un grande riscontro tanto che, dopo il successo di questi primi mesi a Brixton, molti altri quartieri londinesi hanno deciso di lanciare il medesimo progetto. Qualche settimana un altro “The people’s fridge” è stato avviato a Camberwell e, a brevissimo, sarà aperto anche nelle zone di Leytonstone e Manor House. La rete di frigoriferi comunitari si espande, quindi, sempre più e può allargarsi ancora: sul sito ufficiale della “Community Fridge Network” è descritta tutta la procedura per richiedere e attivare un frigo in una zona specifica. In questo modo, se volete dare un sostegno concreto ai cittadini più sfortunati della vostra comunità, basterà consultare le istruzioni online e contribuirete a combattere in modo concreto lo spreco alimentare!

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti