The People’s Supermarket: Cibo biologico a poco prezzo nel cuore di Londra

The People’s Supermarket: Cibo biologico a poco prezzo nel cuore di Londra

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Stanchi dei soliti supermercati alla Sainsbury’s o Tesco? Se non volete spendere tanto per la vostra spesa, ma neanche volete rinunciare a mangiare cibo salutare e controllato, dovete assolutamente fare un salto al The People’s Supermarket al 72-78 di Lamb’s Conduit Street nel quartiere londinese di Bloomsbury.

The People’s Supermarket è una cooperativa alimentare nata nel 2010 su iniziativa di Arthur Pott Dawson, David Barrie, Kate Wickes-Bull e Andrew Thornton e ispirata al Park Slope Food Coop di Brooklyn (New York).

Come si legge sul sito del supermercato e all’interno del negozio, la missione del gruppo è quella di “creare un’impresa commerciale sostenibile e sociale che raggiunga la crescita e i suoi obiettivi operando in base ai valori di sviluppo della comunità e coesione. Il nostro intento è offrire un network di acquisto del cibo alternativo, connettendo la comunità urbana con quella agricola locale”.

È nato così un supermercato nel cuore di Londra in cui potrete trovare cibi biologici, a chilometro zero, che provengono quasi esclusivamente da produttori inglesi (specialmente londinesi) scelti dal team che si occupa della cooperativa, a costi contenuti e accessibili a tutti. Inoltre, l’impegno è anche quello di rendere i consumatori informati su cosa e come comprare per avere una dieta alimentare sana ed equilibrata.

Al fine di superare lo spreco di cibo, il supermercato è attrezzato con una cucina (The People’s Kitchen) che realizza portate e piatti pronti nella formula “take-away” – zuppe, insalate, sandwich tra gli altri: i prodotti utilizzati sono quelli rimasti invenduti al giorno della scadenza (e sempre buoni) – tanto che ogni settimana vengono utilizzati 100kg di prodotti alimentari che altrimenti verrebbero buttati – e nessun tipo di colorante, conservante o additivo è aggiunto. La cucina ha avuto un immediato successo dal primo giorno di apertura e spesso la domanda supera l’offerta giornaliera.

The People’s Supermarket sopravvive grazie anche al contribuito dei membri che fanno del volontariato per l’organizzazione: per iscriversi bisogna pagare una tassa annuale di £25 e essere disponibili a lavorare per 4 ore al mese presso il supermercato o anche negli eventi di catering esterni organizzati dal team.

In cambio, i membri avranno uno sconto del 20% su tutti i prodotti del supermercato, a esclusione di alcol e sigarette. Per partecipare non importa avere esperienze particolari o attitudini, in quanto dalla cucina, agli scaffali, dal catering fino alle attività di PR c’è sempre posto per qualcuno; tuttavia, è necessario compilare e firmare un’iscrizione (i documenti si trovano nel negozio) per partecipare agli incontri di formazione, che si tengono ogni 2-3 settimane. Per maggiori informazioni potete consultare il sito, la pagina Facebook o scrivere a questo indirizzo email.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti