Un giorno intero senza carbone: la Gran Bretagna guarda all’energia pulita

Un giorno intero senza carbone: la Gran Bretagna guarda all’energia pulita

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

24 ore di energia fornita senza carbone: un record per la Gran Bretagna e una pietra miliare nella storia di questo paese e per il futuro delle energie rinnovabili. È quello che è successo la settimana scorsa, venerdì 21 aprile: l”intero paese è riuscito a fornire energia elettrica a tutti i suoi cittadini senza l’utilizzo dei combustibili fossili.

Se non si riesce a comprendere a sufficienza la portata di questo primato, basta metterlo in prospettiva. È infatti da questo paese che è partita la rivoluzione industriale, tutta basata sul materiale estratto dalle miniere. Precisamente a Londra presso il viadotto di Holborn con l’apertura, nel 1882, del primo generatore elettrico pubblico alimentato a carbone in tutto il mondo.

Ma allora, l’energia da dove è arrivata? Secondo il sito Grid Watch, che monitora l’utilizzo di tutte le fonti energertiche del paese, il 47% è arrivata dal metano, il 18% dal nucleare, il 18% dall’eolico, il 10% dai pannelli solari e il 6% dalle biomasse.

Già lo scorso 20 aprile si era riusciti a fare a meno del carbone per 19 ore consecutive, ma il traguardo di un giorno intero si è raggiunto grazie a una serie di fattori, tra cui anche temperature miti, che hanno consentito agli abitanti del paese di fare a meno del riscaldamento.

Londra è stata da sempre identificata con il carbone, dall’immagine dei lavoratori in miniera (tra cui quelle tristemente famose dei bambini narrate anche da scrittori come Charles Dickens); all’appellativo di The Big Smoke, che si rifà a un’epoca in cui tutti i camini dei tetti operavano a pieno regime, prima che una legge apposita ne bandisse l’utilizzo proprio a causa del massiccio inquinamento. L’immagine del “fumo di Londra”, di una città avvolta nella nebbia dello smog, ancora ci ossessiona oggi.

Invece l’intero paese è riuscito a limitare pian piano la sua dipendenza dal carbone, che ha costituito solo il 9.2% delle fonti nel 2016, contro l’11% dell’energia eolica. La pietra miliare stabilita venerdì 21 aprile è solo il primo passo verso un futuro sempre più green.

La nuova rivoluzione parte ancora da qui.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti