Violenze sessuali in aumento nella metro di Londra, soprattutto nelle ore di punta!

Violenze sessuali in aumento nella metro di Londra, soprattutto nelle ore di punta!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Nonostante Londra sia al centro delle principali battaglie in difesa dei diritti delle donne, rappresenta tutt’oggi un luogo dove l’incolumità femminile corre ancora pericoli molto seri. I luoghi più a rischio, per quanto possa sembrare strano, sembrano essere i mezzi pubblici come i treni o la metro, dove i vagoni “incustoditi” e pieni di passeggeri, molto spesso diventano scenari di aggressioni, furti e violenze sessuali.

Incredibile ma vero, sono proprio gli orari di punta quelli più pericolosi per le viaggiatrici, durante le quali si registra addirittura un rischio di 6 volte in più rispetto agli orari serali e notturni.

Secondo alcuni dati ufficiali riportati dalla BPT, la polizia ferroviaria britannica, la maggior parte delle violenze sessuali ha luogo in treni particolarmente affollati a danno di viaggiatrici sole. Tra gennaio 2014 e dicembre 2015 sono state denunciate 322 violenze nella metropolitana di Londra tra le 5 e le 7 del pomeriggio. La Polizia ha indagato su altri 291 casi segnalati tra le 8 e le 10 del mattino, contro i 110 tra le 23 e l’una.

Questi dati confermanola tesi della direttrice dell’associazione “End Violence Against Women” Sarah Green, la quale sfata il luogo comune che le donne che hanno bevuto o che sono vestite in un modo provocante, magari per andare a ballare in discoteca, favoriscano le molestie sessuali, dal momento che le vittime nelle ore di punta del mattino e del tardo pomeriggio sono per lo più lavoratrici. Per questo la proposta del consigliere di Stato Laburista Jeremy Corby, che prevedeva delle carrozze solo per donne dopo le 10 di sera, è stata ritenuta del tutto inutile.

Grazie però alla campagna Report it stop it, è stato fatto un grande lavoro per incoraggiare le vittime di violenze a denunciare il fatto e non avere paura o vergogna. Denunciare potrebbe salvare altre donne e aiutare la polizia a mettere l’aggressore in carcere, l’unico luogo in cui alcuni soggetti dovrebbe stare.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti