Logo Londra Da Vivere
TEMPO-LIBERO

Cheyne Walk: la via di Londra dove hanno vissuto tantissime persone famose

|
EU Network
AEMORGAN

Camminando per Londra vi sarete imbattuti frequentemente nelle targhe blu, con le quali si indicano case, edifici e luoghi in cui hanno vissuto personaggi storici importanti. La cosa non sorprende visto che da sempre la capitale britannica attira artisti, politici, musicisti, scrittori e personalità di ogni calibro e lavatura; tuttavia, c’è un via che più di ogni altra è amata dai personaggi famosi. Volete sapere qual è? Si tratta di Cheyne Walk, nel quartiere di Chelsea, che da più di 300 anni è stata la casa di alcune delle figure più importanti nel panorama musicale, letterario, artistico e politico britannico.

Se volete fare un tour della via con più targhe blu di Londra, quindi, impostate Google Maps con destinazione Cheyne Walk. Al numero 3, troverete subito la casa di Keith Richards, mentre il numero 4 è adesso l’abitazione dell’ex sindaco di New York, Micheal Bloomberg, ma fu anche casa del romanziere George Eliot, che morì tra queste mura. Il Primo Ministro britannico David Lloyd George, invece, abitava al numero 10 di Cheyne Walk.

Al numero 14, invece, troviamo la storica abitazione del filosofo Bertrand Russell, mentre il numero 16 è stato casa del pittore e poeta fondatore del movimento dei Preraffaeliti Dante Gabriel Rossetti e del poeta vittoriano Algernon Charles Swinburne. Bram Stoker, celeberrimo scrittore di Dracula, ha vissuto al numero 27 di Cheyne Walk, mentre Guy Liddell, agente segreto e sospettata spia, risiedeva al numero 42. Mick Jagger, invece, insieme a Marianne Faithfull, ha vissuto al numero 48.

Pensate che sia finita qui? Vi sbagliate. Se amate la letteratura, dirigetevi al numero 92 e 93, rispettivamente case di Ken Follett ed Elizabeth Gaskell, mentre al 92 e al 98 trovate le abitazioni che furono dell’ingegnere Sir Marc Brunel e di suo figlio Isambard Kingdom Brunel. Al numero 100, invece, c’è la casa di Roman Abramovich, mentre il 119 è casa di un altro Rolling Stone, Ronnie Wood, che tra l’altro un tempo fu la dimora di JMW Turner.

Infine, al numero 120 viveva Sylvia Pankhurst, figlia dell’attivista Emmeline Pankhurst, mentre il palazzo al numero 122 è stato dimora di molti luminari della letteratura, tra cui T.S. Eliot, Henry James, W. Somerset Maugham e Ian Fleming (lo scrittore di James Bond). Per terminare, c’è da ricordare che in questa via è stato ospitato un evento storico molto importante: al numero 96 di Cheyne Walk si tenne un summit tra il governo britannico e l’IRA nel 1972.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0