TEMPO-LIBERO/CONCERTI

Il concerto londinese dei Marlene Kuntz: un muro di suono!

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

I Marlene Kuntz si sono esibiti al Dingwalls di Camden Town per la data di chiusura del “Catartica Tour”, celebrazione dell’omonimo primo album a 20 anni dall’uscita.

Il pubblico in sala era scatenatissimo (si è “pogato” sotto il palco durante tutto il concerto) e anche piuttosto giovane, segno della freschezza sonora di questa alt-rock band, in grado di far apprezzare la propria musica anche alle nuove generazioni.

Il suono dei Marlene Kuntz è in effetti sempre attuale, con influenze che spaziano dal post-punk al noise rock in stile Sonic Youth e chitarre distorte. I loro live sono ancora più duri, energetici e graffianti che su disco.

È stata l’occasione ideale per riascoltare il muro sonoro di brani cult come “M.K.”, “Festa mesta”, “Sonica”, “Nuotando nell’aria”, “Giù, giù, giù”, “Lieve” (mitica cover dei CSI di Lindo Ferretti), “Trasudamerica”, “Mala mela”, “E poi il buio”, “Io e me” e tanti altri pezzi storici, tratti sia da “Catartica” che dall’ormai vasto repertorio dei sempre “arrabbiatissimi” Marlene Kuntz.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto