TEMPO-LIBERO/CONCERTI

Musica Nuda: tutte le emozioni della tappa londinese del tour

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, voce e contrabbasso, hanno stregato il pubblico del Drury Club: i Musica Nuda hanno fatto tappa a Londra lo scorso 25 giugno per una serata carica di emozioni e ricchissima di energia!

L’atmosfera intima del club londinese è stata la cornice perfetta per uno spettacolo ricco di suggestioni con una scaletta che ha visto, come di consueto, l’alternarsi di brani originali e cover.

Conte, Bob Marley, Lucio Battisti, De Andrè tutti reintepretati e, a volte, resi piacevolmente irriconoscibili dalle acrobazie vocali di Petra e dalla magica sintonia con il contrabbasso, un “dialogo musicale” che ha emozionato il pubblico italiano e inglese.

Il concerto londinese era la tappa UK di un tour con date italiane e francesi per promuovere l’ultima fatica del duo Voice’n’bass , ovvero l’album “Little Wonder”, album che corona i 12 anni di carriera dei Musica Nuda.

Un progetto artistico nato per caso, quando, nel 2003, la cantante Petra Magoni intraprese un minitour della toscana: Ferruccio Spinetti fu chiamato all’ultimo minuto per sostituire il chitarrista che avrebbe dovuto accompagnarla ma che si era ammalato. Un evento fortuito ma coronato da un apprezzamento tale da parte del pubblico da portare alla creazione del duo e all’incisione del primo album “Musica Nuda”.

Dopo dodici anni di carriera, numerosi premi e riconoscimenti internazionali, l’album “Little Wonder” è la sintesi dell’innovativo progetto musicale e contiene, per la prima volta, un brano di Bob Marley “Is this Love”, applauditissimo giovedì sera dal pubblico del Drury Lane, come altri cavalli di battaglia del loro repertorio: “Come Together”, “Couleur Cafe” e le richiestissime “Guarda che Luna” e “Il cammello e il dromedario”, ‘reclamate’ dal pubblico a fine spettacolo.

Non ci resta ora che sperare che i Musica Nuda, impegnatissimi nei prossimi mesi tra Francia e Italia, organizzino presto un’altra puntata londinese!

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto