Open Gardens Square Weekend 2016: il 18 e 19 giugno duecento giardini di Londra aperti al pubblico

Open Gardens Square Weekend 2016: il 18 e 19 giugno duecento giardini di Londra aperti al pubblico

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Italo-londinesi amanti del verde! Anche quest’anno ritorna l’Open Garden Squares Weekend. Ovvero, quei magnifici due giorni in cui oltre 200 giardini privati di Londra aprono al pubblico per far morire di invidia i comuni mortali che non possono permettersi la giusta residenza con spazio verde annesso. Però è un ottimo sguardo sul lato green della città. Un enorme metropoli che, nonostante i suoi casermoni e il suo tasso di inquinamento altissimo, riesce sempre a trovare spazio per qualche alberello.

Per il 2016 l’Open Gardens Square Week End si tiene il 18 e 19 giugno. I biglietti sono in vendita su Eventbrite al prezzo di £12, e danno l’accesso illimitato a tutti i giardini che partecipano all’iniziativa.

Naturalmente è impresa impossibile visitarli tutti e occorre fare un itinerario ben preciso che possa raggruppare un buon numero di giardini nella stessa zona. L’anno scorso vi ho dato dei preziosi consigli su come affrontare le due giornate, forte della mia esperienza di qualche anno fa.

Ma come scegliere i giardini giusti? Un’idea sarebbe dare un occhio alle numerose attività che vengono organizzate nei diversi spazi verdi. Che non includono solo giardini privati, ma anche parchi già normalmente pubblici, che per questi due giorni brulicano di eventi. Parliamo di visite guidate a piedi o in bici, piccoli mercatini, live band, attività istruttive per famiglie e via dicendo.

La parte più interessante è che chi partecipa all’Open Garden Squares Weekend lo fa in maniera del tutto volontaria, e mette a disposizione del pubblico un pezzo di Londra normalmente non accessibile. E molti giardini privati sono ben più di qualche albero e un campo da tennis. Molti hanno storie da raccontare, e pezzi forti da esibire. Penso ad esempio al Belgrave Square Garden, che fu realizzato dal grande architetto Thomas Cubitt e ospita la scultura Homage to Leonardo dell’artista italiano Enzo Plazzotta, che ha disseminato i suoi lavori per tutta Londra.

Per aiutarvi a orientarvi tra la miriade di giardini da visitare potete consultare il sito ufficiale, e in particolar modo il loro blog, che approfondisce l’esperienza dei giardini oltre il lato tecnico e storico.

Cominciate a respirare a pieni polmoni le bolle d’ossigeno prodotte dagli alberi. By the way, le previsioni dicono che fa bello questo week end, quindi approfittiamone!

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti

Leave a Reply