TEMPO-LIBERO/EVENTI

Scrapclub, l’evento per sfogare la propria rabbia distruggendo cose

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

A volte siamo così incazzati che vogliamo spaccare qualcosa. Il muro, la televisione, la faccia del nostro capo… Con il rischio di trovarci una crepa in più, senza la nostra serie Netflix preferita o peggio ancora senza lavoro (e probabilmente in prigione).

Ma se foste autorizzati a spaccare oggetti per sfogare la vostra rabbia?

È questa l’idea di Scrapclub, un evento ideato da Wajid Yaseen e Joel Cahen. In una stanza piena di rottami come automobili abbandonate, lavatrici rotte e via dicendo si può scatenare la propria ira con una mazza da baseball o un martello da muratore su questi oggetti.

Si tratta di una sorta di “installazione artistica” che si tiene ogni anno da qualche tempo. Nella stanza un gruppo di persone viene chiamato a turno e viene dato loro un arnese per spaccare l’impossibile nell’arco di dieci minuti. Il tutto nella massima sicurezza: occhialoni, elmetto e guanti e personale di primo soccorso sul posto.

Gli oggetti di scarto sono recuperati dalle discariche o abbandonati, e dopo la distruzione vengono ulteriormente mandati al riciclo. L’evento vuole essere una sorta di urlo di rivolta nei confronti dei consumi della società moderna.

Ma a dirla tutta l’idea non è per niente originale. Perché in altre città esistono dei locali permanenti chiamati rage room o anger room, dove la gente si reca apposta e paga un biglietto di ingresso per trovarsi in una stanza piena di rottami e spaccare tutto. L’idea sembra essere nata in America, a Dallas, dove si pagano ben $70 dollari per questo intrattenimento. A Novi Sad, in Serbia, due ragazzi l’hanno resa più economica: €6 il costo per la distruzione. E ne troviamo persino una qui nel Regno Unito a Nottingham al costo di £35. E ce n’è stata persino una in Italia a Forlì chiamata Camera della Rabbia.

Ma la domanda è: ne vale la pena? Non sarebbe molto meglio sfogare i propri istinti animaleschi in palestra, magari praticando pugilato, kick boxing o altri posti dove ci si danno delle sane mazzate tra persone consenzienti?

In ogni caso, se l’evento vi interessa, non dovete fare altro che visitare il sito ufficiale di Scrapclub e iscrivervi alla loro mailing list per essere aggiornati per primi sul prossimo evento.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto