World Naked Bike Ride 2017: a Londra tutti in bici nudi a favore dell’ambiente

World Naked Bike Ride 2017: a Londra tutti in bici nudi a favore dell’ambiente

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Sabato 10 giugno, se vi trovate in giro per Londra centro, potreste assistere a uno spettacolo che non si vede tutti i giorni. O meglio, tutti i giorni no, ma una volta all’anno sì. Perché quello sarà il giorno in cui Londra sarà invasa di nuovo da una marea di ciclisti completamente nudi. Sissignori, anche quest’anno è arrivato il giorno della World Naked Bike Ride 2017.

Per chi non lo sapesse, si tratta di una manifestazione mondiale di protesta che si tiene da quattordici anni in numerose città del mondo nei cinque continenti. L’obiettivo? Gridare la propria disapprovazione nei confronti dell’utilizzo massiccio del petrolio come risorsa naturale primaria, in particolar modo per quanto riguarda i mezzi di locomozione. Una risorsa il cui sfruttamento causa enormi danni ambientali, impatta il sistema economico globale e in nome del quale si combattono guerre sanguinarie.

Insomma andare in bici (o sui rolleblade, o in monopattino, o sullo skateboard) è green e fa bene al pianeta. Se poi vogliamo guardare a una zona più ristretta, sicuramente fa bene alla salute dei cittadini in una città come Londra che vede tassi di inquinamento record per lo più causati dal traffico.

E invece sabato 10 giugno, dal primo pomeriggio, per qualche ora i ciclisti si riprenderanno in massa la città. Quegli stessi ciclisti che ogni giorno devono combattere contro il traffico londinese per guadagnarsi uno spazio in quelle strade non fornite di pista ciclabile. E che, purtroppo non raramente, ci rimettono anche la pelle.

Col passare del tempo infatti la World Naked Bike Ride ha anche aggiunto alla protesta anti-petrolio un grido d’allarme riguardo i pericoli che quelli che favoriscono le due ruote corrono in una città dominata dai veicoli a motore come Londra. L’essere nudi simboleggia proprio la vulnerabilità dei ciclisti nei confronti delle automobili.

Anche se, a dirla tutta, a molti neanche importa del messaggio ecologico, pacifico, politico o quant’altro. La maggior parte delle persone partecipano per divertirsi. E lo fanno in maniera fantasiosa.

Non è obbligatorio spogliarsi fino al midollo, infatti: il dressing code è “as bare as you dare”. Come sempre gli uomini sono più sfacciati da questo punto di vista, anche se molti non rinunciano al boxer. Difficile trovare anche donne completamente nude, per lo più in topless, molte altre ricorrono al body painting o altri modi originali per coprire le zone intime.

Come partecipare? I punti di raduno e partenza sono 7: Tower Hill, Regents Park, Kings Cross, West Norwood, Hyde Park, Clapham Junction, and Kew Bridge. Tutti i percorsi convergeranno verso il centro di Londra, passando davanti a siti e attrazioni iconiche della città come Big Ben, Picadilly Circus and Hyde Park. Sta voi decidere se partire dal punto più vicino a casa vostra, se scegliere il percorso con la miglior vista panoramica (da Tower Hill) o quello più lungo (Kew Bridge).

Se volete partecipare, o anche solo assistere, alla World Naked Bike Ride londinese potete trovare tutte le informazioni con gli orari e i luoghi di partenza sulla pagina Facebook ufficiale.

Tutti in pista il 10 giugno allora. Più nudi possibili. Perché il corpo umano è meraviglioso, e non c’è vergogna nel mostrarlo.

Ecco gli orari di raduno e partenza del World Naked Bike Ride London 2017:

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 5
Voti totali: 1

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti