Londra, alla scoperta del Castello di Windsor. Ovvero, il castello più grande del mondo!

Londra, alla scoperta del Castello di Windsor. Ovvero, il castello più grande del mondo!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Se,il vostro soggiorno a Londra, più o meno lungo, fosse miracolosamente baciato dal bel tempo, un’ottima idea sarebbe quella di intraprendere una bella gita fuori porta al Castello di Windsor. Non è vicino al centro città, sia chiaro, ma arrivare fin lì ne vale assolutamente la pena.

A Windsor si trova il castello più grande del mondo, che poi è anche quello abitato da più tempo. E’ stato infatti costruito nel 1066 sotto Guglielmo il Conquistatore e conta una superficie di ben 45.000 metri quadrati. Potete dunque immaginare che per visitarlo come si deve ci vuole una giornata interna, perciò partite presto, armatevi di pazienza e sperate di non avere troppo mal di gambe alla fine della gita!

IMG_7983

Come non andare a sbirciare in uno dei castelli in cui vive la Regina Elisabetta? Windsor è una delle sue residenze ufficiali, dove la sovrana trascorre molti fine settimana utilizzandolo spesso per incontri sia privati che di stato, tra cui il famoso “dine and sleep”, evento in cui la regina invita importanti figure quali politici, ambasciatori o rappresentanti del Commonwealth a cenare e a passare la notte al castello. Gli invitati normalmente ripartono la mattina seguente dopo colazione. Diciamo che per noi comuni mortali è una sorta di pigiama party in grande stile, dove però la nostra migliore amica potrebbe essere Margherita II di Danimarca o la principessa Carolina di Monaco.

Il Castello di Windsor si può considerare un vero e proprio pilastro della storia d’Inghilterra: tutti i regimi monarchici che si sono succeduti, infatti, hanno avuto un’influenza diretta sulla sua costruzione e sulla sua evoluzione. Quando la nazione era in pace il castello veniva ingrandito aggiungendo appartamenti; in caso di guerra, invece, veniva rinforzato e fortificato.

La visita turistica si può essenzialmente dividere in tre parti: gli Appartamenti di Stato, la Casa delle Bambole di Queen Mary e la Cappella di San Giorgio.

Ognuno dei 39 monarchi che hanno abitato il castello ha dato il proprio contributo nella realizzazione e nel miglioramento degli Appartamenti di Stato, caratterizzati innanzitutto dalla mobilia più pregiata della Royal Collection, per non parlare dei numerosi dipinti di Rembrandt, Rubens e Canaletto. Purtroppo, però, il 20 novembre 1992 un grande incendio devastò il castello, distruggendo più di 100 stanze.

Alcune di esse andarono completamente distrutte e furono successivamente ricostruite, come la St. George’s Hall, immensa sala che ospita tuttora banchetti di stato e il cui tratto distintivo è rappresentato dai moltissimi stemmi di cavalieri rilevanti per la corona inglese.

Ci sono stemmi ovunque, sia sul soffitto che sui muri; e se ne trovate qualcuno tutto bianco è perché il cavaliere è stato espulso dall’ordine per crimini commessi. Altre stanze da non perdere sono la State Dining Room, e la Waterloo Chamber, dove sono esposti i ritratti di tutte le grandi figure politiche e non che sono state fondamentali per arrivare alla sconfitta di Napoleone, e ancora la China Museum in cui dal 1920 sono esposte bellissime porcellane e servizi da tè cinesi e giapponesi.

Qui non potete perdervi le famosissime porcellane di Rockingham, servizio che evoca i domini stranieri della corona britannica, creato dalla English Factory, azienda che andò addirittura in bancarotta per il costo dei materiali e il lunghissimo tempo impiegato per produrre a mano un capolavoro che non ha eguali.

La tappa successiva agli appartamenti è senza dubbio la Queen Mary’s Dolls’ House, semplicemente la casa delle bambole più grande del mondo costruita appositamente per la Regina Mary, appassionata di miniature. In scala 1:12, è stata costruita tra il 1921 e il 1924 e conta vere e proprie opere d’arte in miniatura realizzate da oltre 1.500 tra i più grandi artisti di tutti i tempi. Questa casa delle bambole possiede persino elettricità, acqua corrente calda e fredda e ascensori funzionanti!

Ultilondon-792445_960_720ma tappa importante, la St. George’s Chapel, uno dei più belli esempi di architettura gotica in Inghilterra. Si tratta della casa spirituale del famoso Ordine della Giarrettiera, il più antico ed elevato ordine cavalleresco del Regno Unito fondato nel 1348 da Edoardo III. All’interno della chiesa si trovano la tomba di Enrico VIII e di Carlo I.

Il castello è aperto da marzo ad ottobre dalle 9.30 alle 17.30 e da novembre a febbraio dalle 9.45 alle 16.15.

Il biglietto costa 20 sterline ma c’è anche la possibilità di comprare un biglietto ridotto per bambini, studenti e anziani. Vi ricordiamo che il Castello di Windsor rientra nell’elenco di attrazioni che aderisce al programma 2*1 che consente di usufruire di 2 biglietti al costo di 1. Per ulteriori dettagli su come usufruire dell’offerta, date un’occhiata qui!

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti