TEMPO-LIBERO/MOSTRE

I giardini nella pittura da Monet a Matisse, in mostra a Londra!

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

La grande mostra organizzata dalla Royal Academy of Arts e il Cleveland Museum of Art, che prende il nome di Painting the Modern Garden: Monet to Matisse, ha come punto di riferimento il lavoro di Monet, per rappresentare il ruolo fondamentale che i giardini hanno avuto nell’arte nel periodo tra il 1860 e il 1920.

Dall’impressionismo all’avanguardismo, è stato tracciato un percorso che descrive l’evoluzione del giardino come soggetto artistico e di come esso abbia cambiato e rinnovato l’arte. Come dice anche Ann Dumas, la curatrice della mostra, Monet è considerato uno dei più celebri pittori di giardini.

Iniziò a dipingerli e ad appassionarsi ad essi, dopo la metà del 1980, quando acquistò una casa in Normandia e il terreno che la circondava, precisamente a Giverny. Da qui per ben 20 anni il giardino divenne uno dei suoi soggetti preferiti, tanto per citare un esempio: “Fiori di primavera” del 1864.

L’artista stesso non nascondeva questa grande passione, infatti dichiarò che “deve la sua arte ai fiori”. I suoi giardini danno un senso di pace e serenità, una risposta alla grande tragedia della prima guerra mondiale, come scrive nei suoi diari.

Nonostante ciò non era l’unico ad avere questa passione per il mondo orticolo, proprio per questo si è deciso di includere nella mostra i capolavori di Renoir, Cezanne, Pissarro, Manet, Sargent, Kandinsky, Van Gogh, Matisse, Klimt e Klee. Per tutti questi artisti dipingere i giardini significava rompere gli schemi ed esplorare il mondo in continua evoluzione, allontanandosi dal clima di terrore e sfiducia che la guerra aveva portato, e sperare in nuove possibilità nutrendosi di emozioni positive che la natura dona in ogni istante, soprattutto attraverso i giardini fioriti e rigogliosi, sinonimo di vita e felicità.

Oltre a una selezione dei lavori più importanti di Monet, incluso il maestoso “Agapanthus Triptych”, vi troviamo anche “Monet che dipinge nel suo Giardino di Argenteuil” di Renoir, il “Giardino a Murnau II” di Kandinsky, il “Giardino Fiorito” di Emil Nolde, “Riposo in Giardino” di Pierre Bonnard, e “Terrazzo fiorito nel giardino, Wannse”, di Max Liebermann.

Questa è una delle 10 mostre da non perdere a Londra!

La mostra è iniziata il 30 gennaio e sarà disponibile fino al 20 aprile.

Il sabato e il giovedì dalle 10.00 alle 18.00.

Il Venerdì dalle 10.00 alle 22.00.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto