MOSTRE

In mostra un centenario di storia del vinile al Jewish Museum di Londra

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Dal 14 Luglio è partita una mostra temporanea interamente dedicata al vinile, all’interno del Jewish Museum di Albert Street, nell’artistico e caleidoscopico quartiere di Camden. Per tutti gli amanti dell’LP, ma anche per i nostalgici dello Shellac, il 78 giri predecessore del vinile, il museo offre un tour audiovisivo completo di informazioni storiche e tecniche su questi meravigliosi supporti che hanno permesso un’incredibile agevolazione della fruibilità musicale.

Cominciando dalla romantica invenzione del grammofono da parte di Emil Berliner, ebreo tedesco emigrato in America all’età di 19 anni, la mostra racconta la storia dell’evoluzione musicale. Prima del grammofono, infatti, i concerti live erano l’unico modo per poterne godere, mentre, con l’arrivo dei nuovi supporti, la musica diventa un mezzo d’intrattenimento di massa, aprendo la strada a un nuovo modo di intenderla e di diffonderla.

La mostra offre un percorso interattivo molto interessante e ripercorre le vite di inventori, musicisti, compositori e produttori ebrei che hanno fatto la storia della musica. All’interno dell’area dedicata si possono trovare degli originali fonografi e grammofoni tra cui un meraviglioso Rockol. Proseguendo nella visita si possono ascoltare le storie di artisti attraverso una serie di iPad dotati di doppie cuffie .

Sugli stessi si possono anche ascoltare brani Yiddish e canti popolari della tradizione ebrea. Sulle pareti, invece, sono in mostra le copertine originali di circa 500 album tra cui si annoverano anche quelle di Bob Dylan, Amy Winehouse, i Ramones e Barbra Streisand.

Insomma, un vero e proprio excursus nella storia dei supporti musicali che hanno contribuito alla diffusione della musica su larga scala, facendola arrivare fin dentro le nostre case ad allietare ogni momento della giornata. Un cambiamento epocale che ha segnato la nascita di case ed etichette discografiche e di una nuova fetta di mercato prima inimmaginabile.

Una mostra molto interessante soprattutto in questo momento storico di transizione del mercato discografico, dove i supporti musicali si sono evoluti a tal punto da cambiarne ancora una volta il trend.

La mostra durerà fino al 16 Ottobre e i biglietti costano £7.50.

Aperta dal lunedì alla domenica dalle 10:00 alle 17:00 escluso il venerdì, aperti dalle 10:00 alle 14:00.

Per maggiori informazioni visitate il sito ufficiale

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 3
Voti totali: 4

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto