TEMPO-LIBERO/MUSEI

“One Two Three Swing!”: decine di altalene alla Tate Modern per un’istallazione incredibile

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Se volete divertirvi e fare nuove amicizie, la nuova istallazione che ha invaso da qualche giorno la Turbine Hall della Tate Modern è quello che fa al caso vostro! Si tratta della nuova creazione di Superflex, un collettivo d’arte danese formato da Rasmus Nielsen, Jakob Fenger e Bjørnstjerne Christiansen: i tre artisti lavorano insieme dal 1993 e questa volta hanno dato vita ad un’opera completamente oscillante che non a caso prende il nome di “One Two Three Swing!“.

I visitatori della galleria d’arte londinese potranno vivere in prima persona e toccare con mano, un progetto interattivo diviso in tre sezioni che rappresentano l’apatia, la produzione e il movimento. L’esperienza multisensoriale comincia con un coloratissimo tappeto a strisce che copre l’ingresso inclinato della Hall e che è sovrastato da una gigantesca palla d’argento appesa al soffitto. Tutti sono invitati a sdraiarsi comodamente sul tappetto e a farsi ipnotizzare dal movimento oscillatorio della palla: il pendolo a specchio si muove costantemente sulla testa degli spettatori che, in questo modo, avranno l’occasione di rilassarsi, di riflettere e magari ragionare con i propri compagni sugli argomenti più disparati.

Dopo la parte iniziale all’insegna del relax, si entra nel vivo dell’istallazione e ci si ritrova nella sala principale in mezzo a decine di altalene a tre posti collegate tutte da una linea arancione. L’obiettivo è quello di dondolare accanto a persone che non siano necessariamente i propri amici, sfruttando l’occasione per fare nuove conoscenze e magari intraprendere con loro discorsi su questioni anche importanti come il senso di comunità o la ricerca di sé stessi.

In questo modo “One Two Three Swing!” diventa un modo piacevole per divertirsi ed esercitare contemporaneamente il ragionamento così come ha affermato lo stesso Achim Borchardt-Hume, direttore delle mostre della Tate Modern:

“Questa istallazione è una delle migliori opere di divertimento intelligente che io abbia mai visto. Viviamo in un mondo che non ha esattamente un surplus di divertimento, né un surplus di intelligenza, per cui vederli entrambi combinati nella Turbine Hall è una cosa fantastica”.

Un’esperienza del genere è, quindi, imperdibile! L’istallazione è stata inaugurata lo scorso 3 ottobre e sarà accessibile fino al 2 aprile 2018. L’entrata al museo è gratuita: dalla domenica al giovedì è visitabile dalle 10.00 alle 18.00, mentre il venerdì e il sabato è aperto fino alle 22.00.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto