Il museo del cioccolato di Brixton: un’esposizione deliziosa

Il museo del cioccolato di Brixton: un’esposizione deliziosa

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Se c’è qualcosa che amo quanto la pizza è il cioccolato. Niente di sorprendente: d’altronde chi non lo ama?

L’altro giorno ho scoperto che il Regno Unito è uno dei maggiori consumatori mondiali di cioccolato, ancora di più della Germania e poco sotto la Svizzera, per citare due tra i maggiori produttori del cibo degli dei. E sapete come l’ho scoperto? Visitando il Chocolate Museum di Brixton, l’unico museo interamente dedicato al cioccolato in tutta Londra. Abbastanza sorprendente, se si considera il dato appena riportato sopra.

Sorprendente soprattutto in una città dove i negozi di cioccolato abbondano. Ma, fateci caso, si tratta sempre di boutique raffinate localizzate sulle maggiori High Street. Qui il cioccolato è venduto a peso d’oro, non come un prodotto di largo consumo ma quasi fosse un bene di lusso riservato a pochi. L’eleganza e l’ambiente chic di questi negozi richiama alla mente quello delle gioiellerie, e persino i nomi dei marchi hanno spesso un suono francese: richiamo evidente alla lingua del paese che in Inghilterra è considerato il produttore di cioccolato per eccellenza, ovvero il Belgio.

Ma qui siamo a Brixton, un quartiere periferico conosciuto per la sua vivacità, la sua schiettezza e la sua spontaneità, dove regnano i mercati e lo street food: niente a che vedere con la rigidità compassata delle boutique di Londra centro. E dallo stesso museo del cioccolato non aspettatevi un’istituzione organizzata da qualche associazione nazionale: parliamo anche qui di una piccola botteguccia, dislocata su due livelli, e delle dimensioni di un coffee shop.

E cosa possiamo vedere in questo museo del cioccolato? L’esibizione principale si trova al piano sottostante, dove si può cominciare guardando un video sulla produzione dalle coltivazioni di cacao al prodotto finale. La piccola sala espositiva è divisa in due parti. La prima, è dedicata alla produzione e al consumo del cioccolato nel mondo, ai suoi principali paesi produttori, e soprattutto alla piaga della schiavitù che sin dalla scoperta dell’America a oggi è strettamente legata al lavoro nelle piantagioni di cacao. L’altra parte è dedicata alla storia del cioccolato in Inghilterra, focalizzandosi naturalmente sul suo marchio principale, la Cadbury: qui si possono osservare reperti d’epoca come stampi, volantini pubblicitari e servizi in porcellana.

Il piano di sopra è invece un negozio di cioccolato vero e proprio: qui potete comprare cioccolata di altissima qualità (e per questo motivo, estremamente costosa), tutta rigorosamente prodotta con cacao derivato da piantagioni sostenibili e commerciato responsabilmente. Quello che però dovete assolutamente fare qui è farvi preparare una buonissima cioccolata calda dalla gentile assistente del museo.

The Chocolate Museum in Brixton

Il piccolo cucinino è proprio di fronte ai vostri occhi, parte integrante della sala come se foste entrati nella casa di qualcuno. E infatti, proprio come degli ospiti, attenderete con pazienza che la padrona di casa sciolga lentamente la cioccolata pura mischiata a cacao e latte per produrre la vostra tazza di cioccolata calda. E per cioccolata calda non intendo certo il latte al cacao spruzzato da una macchinetta che acquistereste in un qualsiasi bar di Londra. No, parlo di una vera, genuina, tazza di cioccolata densa e bollente, di quelle che vi piaceva farvi fare da vostra madre in inverno. E per quanto da queste parti, questo sì, sia da considerarsi un prodotto di lusso, una tazza small la pagherete solo £2.50.

Il museo è il parto della mente di Isabelle Alaya, una maître chocolatier francese che ha una sua propria bottega a Peckham chiamata Melange. Alaya ha istituito il piccolo museo di Brixton con gli oggetti raccolti negli anni nel corso della sua attività lavorativa. Ma soprattutto ha pensato al museo come a un luogo dove organizzare laboratori per adulti e bambini, per le scuole e per gli eventi privati: i workshop vanno dalla produzione artigianale alla degustazione di cioccolato associato al vino.

The Chocolate Museum in Brixton è senza dubbio uno dei gioielli nascosti di Londra, tra i musei meno conosciuti che aspettano solo di essere scoperti da più persone possibili. Tra l’altro si trova anche in una delle aree più caratteristiche della nostra città.

E a proposito: vi ho detto che l’ingresso è completamente gratuito?

The Chocolate Museum, 187 Ferndale Road, Brixton SW9 8BA.

Aperto dal mercoledì al venerdì dalle 14 alle 19, sabato dalle 11 alle 18. Gratuito.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti