TEMPO-LIBERO/MUSICA-DAL-VIVO

The Crypt: tra sacro, profano e pane di mais

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Quando negli anni ’50 lo scaltro Ray Charles cedette al fascino del mainstream passando dal gospel alla musica più commerciale, venne bombardato di critiche da parte della sua gente: lo accusarono di inquinare la “musica del Signore” con i ritmi, le sonorità e i testi della musica del diavolo: il blues, il jazz, il rhythm & blues.

Da allora ne è passata di acqua sotto ai ponti: luoghi di preghiera e jazz club non sono più posti così lontani tra loro, anzi.
The Crypt è un jazz club londinese ricavato nel sotterraneo (la cripta) di una chiesa cristiana fondata nel 1100, St Giles in the Fields, a Camberwell, a sud del Tamigi.

La zona è sfacciatamente afro-caraibica e se non lo si fosse già capito passeggiando lungo le strade che portano al club, la cosa diventa più chiara dando un’occhiata al menu: le selezioni dei piatti proposti dallo chef sono in gran parte di tradizione africana.

La convivenza tra sonorità raffinate e generalmente associate alla musica cosiddetta “colta” con i profumi tipici di una buona cucina casalinga contribuisce a rendere l’atmosfera unica: il cuoco (un ragazzo nero con jeans ultralarghi, grembiule e lunghissimi dreadlocks raccolti in una fascia) ha l’aria di chi la sa lunga ed è affiancato da una signora, forse la madre o una zia, che sembra avergli insegnato (e tramandato?) i segreti di quella cucina.

Interessanti i Today’s special: tra i cinque/sei piatti di tradizione africana fatti in casa, riso e fagioli come se piovesse, mi colpisce il Butternut soup with cornbread, zuppa di zucca (gialla) servita con il tradizionale pane di mais, da leccarsi i baffi.

Il club nasce nel ’95 ed è proprietà della chiesa che lo ospita; prima di allora lo spazio era la sede di un’associazione benefica per gli homeless e quando in seguito l’associazione si sposta in un’altra sede, la chiesa decide di avviare un’attività destinata alla comunità locale e accoglie la proposta un paio di appassionati di musica jazz di farne un jazz club.

Il club è un incanto e ha al tempo stesso un’aria sofisticata ma anche easy going: nero e rosso i colori principali, i lumini sui tavoli diffondono una luce soffusa e color seppia e last but not least c’è un’acustica della madonna (ops…).

Prima dell’inizio del concerto faccio una chiacchierata con il cantante: anche lui (come me) utilizza una loop station, ovvero una pedaliera che registra e mette a “loop” ciò che viene cantato nel microfono.

Gli confido le mie perplessità riguardo alle mie prossime performance di poetry & loop station, che io uso per accompagnare le mie rime: il problema, gli spiego, è che sono scritte nella mia lingua madre, l’italiano, mentre qui siamo a Londra..! Da un lato, gli spiego, non sono ancora in grado di rendere le sfumature poetiche in una lingua diversa dalla mia, dall’altro non voglio rinunciare a trasmettere al pubblico il mio messaggio.

Lui: ”Do it in Italian: as long as it’s “real”, people will understand even if they don’t know the language”.
Wow…Rimango senza parole (questo si che è un miracolo!) e, anche se un po’ scettica, metto in tasca il consiglio.

Il concerto è illuminante: The Evolution è un mix di influenze e di background musical-culturali che danno vita ad una musica di difficile definizione. Il batterista è romano, il pianista è giapponese, il contrabbassista è pugliese, il sassofonista è napoletano e il cantante è inglese e di colore: jazz, folk, afro, drum&bass, classica… Armato di loop station ed altri effetti (primo tra tutti il talento…) il cantante ricrea suoni provenienti dalla natura: imita alla perfezione i suoni della giungla e i versi di animali esotici; in pochi secondi siamo catapultati in un paesaggio lontano, potremmo essere sdraiati sotto i banani delle Antille tra iguane e pappagalli multicolorati.

Su Nature boy parte un’improvvisazione vocale affascinante e mai sentita prima, fatta di parole, sillabe e suoni molto diversi da quelli generalmente usati nello scat: si sfiora il divino.

A fine concerto sono curiosa di conoscere la lingua usata nell’improvvisazione (immagino sia africano) e arriva pronta la risposta del saggio cantante: “Non importa, non è una lingua, sono parole completamente inventate…ma come volevasi dimostrare…as I told you before… il messaggio è arrivato lo stesso… no?”

Beh si, direi proprio di si.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Indirizzo: The Crypt, St Giles Church, SE5 8RB Londra
Costo biglietto: 7 Sterline
Cena: si
Multiculturalità: si
Buona musica: si
Perdizione: si
Assoluzione: si

The Evolution:
Randolph Matthews (vocals & loop station)
Renato D’Aiello (sax)
Hiroshi Murayama (piano)
Dario Di Lecce (bass)
Emiliano Caroselli (drums)

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto