TEMPO-LIBERO/MUSICAL

“The Sessions at Abbey Road”: i Beatles come non li avete mai sentiti

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

C’è chi li ama e c’è chi li odia. Di sicuro nessuno ha mai potuto ignorare l’immenso, affascinante e, soprattutto, musicalmente determinante fenomeno dei Beatles. Hanno riempito stadi ed arene, teatri e piazze di ogni parte del mondo; hanno fatto impazzire quelle che allora erano le ragazzine di un tempo e che oggi sono le rispettabili nonne di qualcuno; ma, cosa più importante di tutte, hanno fatto la storia del pop-rock cambiandola per sempre.

Quel loro sound così unico e inconfondibile, oggetto di plausi e critiche da parte di qualunque entità musicale di spicco esistente, ha caratterizzato la loro musica ed è diventato un marchio di fabbrica. Anche oggi che i Beatles non esistono più come gruppo, la loro musica continua ad agitare gli animi di persone di ogni età che seguono i loro sosia e le loro cover band in giro per il globo.

E sarà proprio il loro sound l’oggetto di un interessantissimo ed innovativo musical che andrà in scena nel Regno Unito con la prima alla Royal Albert Hall il 1 Aprile 2016: “The Sessions at Abbey Road”. Il musical, diretto artisticamente da Kim Gavin (cerimonia di chiusura dei giochi olimpici di Londra del 2012) e prodotto da Stig Edgren (Elvis Presley- In Concert Show), avrà ad oggetto proprio le sessioni di registrazione agli Studio2 di Abbey Road che vanno dal 1962 al 1969.

Edgren ha precisato che questo non sarà l’ennesimo “look-alike show” dedicato ai Beatles ma un vero e proprio tentativo di riprodurre il loro sound in sala di registrazione. Per fare ciò il produttore si servirà di ben 9 cantati e 39 musicisti, di strumenti d’epoca e di una replica da palco dello Studio2 realizzata da Stufish, gli architetti che hanno lavorato ai concerti dei Rolling Stones, AC/DC e degli U2.

L’idea è quella di far rivivere all’ascoltatore/spettatore una vera e propria sessione di registrazione della più grande band di tutti i tempi, senza ricorrere a nessuna componente visiva come parrucche o divise in stile Sgt Pepper’s Lonley Heart Club Band. L’unico intento è quello di dare un effetto audio quanto più fedele alle sessioni in studio e al mood della band.

Il musical andrà in scena con un’anteprima a scopo benefico il 30 marzo ma partirà in tour per il Regno Unito dal 1 aprile. I prezzi non sono certo economici ma c’era da aspettarselo da una tale produzione in pompa magna. Si parte da 85 sterline (circa 115 euro) per gli ultimissimi biglietti rimasti per la prima ma i prezzi si abbassano fino a 45 sterline ( circa 61 euro) se si sceglie una location diversa come la Echo Arena di Liverpool o il Brighton Centre. Tutti i luoghi e le date dello spettacolo ed relativi prezzi sono al sito: The Ticket Factory

Che siate super appassionati della band di Liverpool più famosa al mondo, addetti ai lavori in fissa con le tecniche di registrazione o semplici amatori della buona musica, affrettatevi… i biglietti dello show stanno andando via come il pane!

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto