Ristorante Padella, un modo buono ed economico per mangiare italiano a Londra

Ristorante Padella, un modo buono ed economico per mangiare italiano a Londra

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

A volte li scopri così, passeggiando per caso nelle vie di Londra: ottimi luoghi dove mangiare bene e spendere poco, che consiglieresti subito ai tuoi amici. Ed è quello che è successo a me con questo nuovo ristorante italiano di recente apertura, dove ho mangiato benissimo e speso davvero poco. E che ora consiglio anche a voi. Perché anche se non vi conosco, cari miei amici italo-londinesi, ci tengo a voi.

Padella: è questo il nome della mia scoperta, un piccolo ristorantino situato proprio dietro al Borough Market, quindi esattamente nel regno dei gourmet di Londra. Ristorante è una parola grossa: io lo definerei più un pasta bar. Perché? Perché la cucina è situata proprio al centro del locale mentre i tavoli altro non sono che sgabelli posizionati di fronte al bancone che circonda i fornelli. I cuochi cucinano sotto i vostri occhi, e vi servono il piatto direttamente.

Padella pasta bar

La cosa più bella è naturalmente vedere come preparano i piatti. Perché la pasta è fresca, realizzata in casa, e ogni volta che qualcuno ordina un piatto potrete vedere il cuoco di turno tirare fuori dal frigo una teglia con i diversi tipi di pasta realizzati poche ore prima.

E si mangia benissimo. Chiaro, non starei mai a consigliarvi un posto a Londra dove andare a mangiare italiano se non fosse all’altezza. Al momento in cui scrivo il ristorante ha aperto da una settimana, con un grosso week end promozionale in cui tutto il cibo era scontato del 50% su un menù già di per sé a basso costo. Ne ho quindi approfittato al volo, ed essendo in compagnia ho avuto modo di provare due antipasti, due primi piatti e un dessert.  Andiamo con ordine.

Come antipasto dal menù abbiamo selezionato burrata (£4.50) e carpaccio di manzo (£6). Niente male la burrata, non la migliore che abbia mai mangiato in vita mia, ma discreta e presentata in maniera elegante. Il carpaccio, salato al punto giusto, meritava davvero.

Padella pici cacio e pepe

Ma naturalmene le star sono i primi di pasta fresca. La nostra scelta è ricaduta sui pici cacio e pepe (£6), e le tagliatelle al ragù di finocchiona (£7.50), entrambe gustosissime. A voler scegliere tra i due, i pici si sono sicuramente distinti molto di più per intensità di sapore. D’altro canto, però, il piatto di pappardelle era più abbondante e presentato meglio. Entrambi ottimi per una scarpetta, comunque.

A proposito, qui c’è un piccolo neo, anche se trascurabile. Non si può ordinare un cesto di pane, ma solo delle fette che vengono accompagnate con del gustosissimo olio extra-vergine. Figura nell’elenco degli antipasti al prezzo di £2.50, o £4.80 per un olio di qualità più pregiata. Decisamente troppo caro, considerato che vengono servite solo tre fette. Noi abbiamo comunque preferito ordinarlo, perché non recuperare quell’abbondanza di sugo lasciata nel piatto sarebbe stata un delitto. In più abbiamo modo di testare l’olio che, anche nella sua versione più economica, era davvero ricco di gusto.

Padella pappardelle al ragù di finocchiona

Passiamo al dessert: abbiamo deciso di prendere una torta di mandorle e rabarbaro (£4) in due. La porzione era sufficientemente grande per essere condivisa, e talmente bella a vedersi che… ehm, ci siamo avventati subito sopra e ho dimenticato di fargli una foto. Ma credetemi se vi dico che il dolce era davvero oltre aspettative, se non ancora più buono.

Concluso il tutto con un buon caffè espresso (£1.50): e fortunatamente nel menù non troverete altri tipi di caffè (beveroni all’americana, per dirlo chiaramente). Sul fronte bevande non abbiamo assaggiato cocktail o altri drink. Ma ci ha colpito che anche i bicchieri di vino alla spina non superavano i £5.5.

Padella è il secondo figlio dello chef inglese Tim Siadatan (al centro nella foto sotto) e il suo business partner Jordan Frieda. Entrambi sono i titolari del popolare Trullo di Islington, un ristorante di cucina toscana aperto dal 2010 e che ha ottenuto un ottimo riscontro di pubblico. E che ora sono molto curioso di andare a provare anche io. Da italiano è sempre un orgoglio vedere chef stranieri che adottano la nostra cucina e la ripropongono ai loro connazionali senza compromessi.

Padella, Tim Sadiatan e cuochi

Verdetto finale: ottimo. Padella è un luogo perfetto dove andare a mangiare italiano senza spendere un capitale. O comunque, in generale, dove mangiare bene a Londra e spendere poco. Le porzioni non sono enormi, e questo naturalmente spiega anche in parte i prezzi bassi, ma sicuramente non uscirete insoddisfatti. Soprattutto se considerate che potreste farvi un pranzo completo di antipasto, primo e dessert sotto i 20 pound. In quanti ristoranti di Londra potreste fare lo stesso?

Padella. 6 Southwark Street, SE1 1TQ. Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 22.30

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti