Tiny Leaf: il ristorante che riutilizza le verdure scartate dai supermercati a Londra

Tiny Leaf: il ristorante che riutilizza le verdure scartate dai supermercati a Londra

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede sia in Europa che negli Stati Uniti la filosofia dello “Zero Waste” che punta a nuovi modelli di business atti a fondere un’estetica invidiabile alla necessità di ridurre gli sprechi per salvaguardare l’ecosistema e, di conseguenza, il benessere e la salute di tutti noi.

Un esempio fra tutti è il cibo scartato dai supermercati solo perchè “esteticamente brutto” ma che, invece, potrebbe essere ugualmente venduto e consumato in quanto non ha assolutamente nessuna carenza a livello qualitativo e nutrizionale. Basti pensare che, secondo un’inchiesta pubblicata a settembre dal quotidiano “London evening standard”, nel Regno Unito i supermercati buttano via il 55% dei loro prodotti. Si tratta di una quantità enorme, declassata solo perchè non rispetta le misure standard imposte dalla grande distribuzione e che, quindi, non avrebbe successo tra i clienti.

Per ovviare a questo enorme spreco a gennaio era stato inaugurato nel quartiere di Notting Hill a Londra il “Tiny Leaf“, il primo ristorante vegetariano, biologico e a impatto zero della capitale inglese. Alice Gilsenan, esperto di marketing per aziende alimentari, e Justin Horne, chef e food activist, sono stati i fautori del progetto sviluppando l’attività su quattro piani di una palazzina. Fornitori come “Planet Organic” e “Langridge” ogni giorno consegnavano loro gratuitamente la frutta e la verdura scartata a causa di difetti estetici che poi, nel ristorante, veniva trasformata in piatti gourmet vegetariani e bio. Oltre a combattere lo spreco, i clienti avevano anche la possibilità di fare beneficenza donando una sterlina per ogni scontrino che poi sarebbe stata devoluta  al “Refugee Community Kitchen Calais” e alla “Soil Association”.

Purtroppo dopo tre mesi la struttura del “Tiny leaf” è stata venduta e trasformata in appartamenti ma gli ideatori del progetto non si sono arresi ripresentandolo al Mercato Metropolitano di Londra dedicato all’esposizione e alla vendita di alimenti genuini. Attualmente il ristorante ha così avuto modo  di riprendere la sua attività nel quartiere londinese di Borough riscuotendo un grande successo.

Alimentazione bio a parte, i due ideatori del progetto vogliono sensibilizzare la loro clientela anche riguardo tutto ciò che è inerente alla ristorazione e, per questo motivo, nel loro locale i piatti e le stoviglie risultano completamente riciclati e biodegradabili. Adesso il prossimo obiettivo dei due soci è aprire il loro primo laboratorio permanente nel centro di Londra e, per questo motivo, hanno lanciato una campagna di crowdfunding su Seedrs: quello a cui puntano è rendere consapevoli i cittadini dello spreco alimentare, inducendoli a consumare frutta e verdura di stagione  per ridurre ai minimi termini l’impatto ambientale.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti