Lo show londinese di Fiorello “L’ORA DEL ROSARIO”, uno spettacolo in continua evoluzione!

Lo show londinese di Fiorello “L’ORA DEL ROSARIO”, uno spettacolo in continua evoluzione!

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tour europeo dello spettacolo “L’Ora del Rosario” messo in scena da Fiorello è stato un gran successo!

Zurigo, Bruxelles, Parigi e Londra… in treno!

Fiorello ha detto che per lui è stata una bellissima esperienza, nonché la sua prima tournée all’estero. Ritiene di essere troppo pigro per spingersi oltre oceano e quindi probabilmente non andrà mai in America però, almeno per quanto riguarda portare il suo show in giro per l’Europa, si è detto: “Ora o mai.

Così, da Novara a Londra, ha festeggiato un anno di repliche sempre diverse e in evoluzione. Essendo lo show basato su gag e improvvisazioni ispirate dai luoghi percorsi e dalle persone incontrate per strada, a detta di Fiorello lo spettacolo potrebbe continuare a chiamarsi “L’Ora del Rosario” all’infinito ed essere sempre nuovo e vario.

Nella tappa londinese non potevano quindi mancare i riferimenti alle cose che gli italiani sono sconvolti di scoprire della capitale britannica, come il bidet assente, un clima inclemente e le abitudini alcoliche degli anglosassoni.

Azzeccatissime anche le imitazioni in “cockney” di interlocutori incomprensibili, come quando ha cercato di farsi mandare una bottiglietta d’acqua dalla concierge dell’hotel e alla risposta “u-o-a” non aveva la minima idea di cosa gli avrebbero portato in stanza.

Ogni italiano nel pubblico si sarà sicuramente identificato con qualche esperienza personale realmente vissuta.

Fiorello è davvero bravo a cogliere le sfumature, l’ironia e il lato spiritoso nelle situazioni di tutti i giorni, mai banali e sempre fonte di creatività e di meraviglia.

I titoli di coda di ogni spettacolo scorrono su un video girato il giorno precedente nella città di turno, nel quale sono coinvolti anche i fan… anzi gli “affezionati estimatori”, come preferisce chiamarli Fiorello.

L’interazione con il pubblico avviene anche sui social media, con foto e commenti vari.

“L’Ora del Rosario” è quindi un evento multimediatico in continua trasformazione e Fiorello è uno show-man davvero completo: canta, balla, imita, insomma fa di tutto con una mimica e una gestualità che travalicano i confini culturali.

Potrebbe andare forte pure in America! Beh, in effetti una capatina a Las Vegas la fa sul serio… ma solo per finta. Infatti, indossando una bella giacca di paillettes, simula un duetto memorabile con Tony Renis! A Fiorello piace la spontaneità dei suoi spettacoli dal vivo… non è come in TV, dove deve misurare ogni cosa.

Sul palcoscenico si trova nel suo elemento naturale per farci ridere con oltre due ore di aneddoti, imitazioni, canzoni, gag e sorprese… incensurate.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti