TEMPO-LIBERO

Dall’Urlo di Munch ai Girasoli di Van Gogh: i quadri umani in giro per Londra

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Se i londinesi non vanno al museo, è il museo che va dai londinesi. Nonostante a Londra i musei gratuiti siano numerosi e contengano alcune delle opere più famose e meravigliose al mondo, la promozione dell’arte rimane un aspetto fondamentale per non perdere la bellezza e la cultura del passato e del presente.

Per rendere le giornate dei londinesi più colorate e affascinanti, la body paint artist Sarah Atwell ha dato letteralmente vita ad alcuni dei quadri più celebri della storia, riproducendo le opere direttamente sul corpo umano. Come riporta Repubblica, tre ragazze e due ragazzi si sono trasformati così in quadri viventi e hanno camminato per le vie della capitale inglese in questa veste.

I passanti, quindi, si sono trovati a fianco de L’Urlo di Edvard Munch, alla Donna Seduta di Pablo Picasso, alla Ragazza con fiocco nei capelli di Roy Lichtenstein, a Rosso, Blu e Giallo di Piet Mondrian e a I Girasoli di Vincent Van Gogh. Un’occasione unica visto che i quadri originali si trovano rispettivamente alla Galleria Nazionale di Oslo (L’Urlo), al Musée National Picasso di Parigi (la Donna Seduta), alla Tate Modern di Londra (Rosso, Blu e Giallo) e al Museo Van Gogh di Amsterdam (i Girasoli), mentre il quadro di Lichtenstein appartiene a una collezione privata.

L’iniziativa è stata promossa da Rise Art, un sito specializzato nella vendita di arte online, che si è basato su uno studio secondo il quale un britannico su sei non è mai stato in un museo, il 44% (su 2000 adulti) considera l’arte un prodotto per le èlite e uno su dieci è intimidito da musei e gallerie. Come rendere l’arte popolare se non portandola in strada? Da qui l’idea del body painting.

Per realizzare le opere viventi e riuscire ad adattare i quadri alle curve umane, Sarah Atwell ha impiegato dodici ore di lavoro, ma il risultato è davvero molto bello. Oltre a girare per le strade, stupendo e catturando l’attenzione dei passanti, i quadri umani hanno anche posato davanti alle attrazioni più iconiche di Londra, come St Paul’s Cathedral e il National Gallery.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 5
Voti totali: 2

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto