TRASPORTI

Grande sciopero metro di 24 ore in programma tra il 6 e il 7 dicembre: novità

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

AGGIORNAMENTO 06 DICEMBRE 2016: Buone notizie per i pendolari di tutta Londra. Lo sciopero indetto dal sindacato dei trasporti “The Rail, Maritime and Transport” (RMT) della durata di 24 ore tra le 21.30 di martedì 6 dicembre e le 21.30 di mercoledì 7 è stato annullato. Le linee della metro che dovevano essere coinvolte dall’agitazione sindacale – Piccadilly e Hammersmith and City – circoleranno regolarmente. Ad annunciare la revoca dello sciopero sono stati il TfL, l’azienda per i trasporti pubblici londinesi, e il sindaco della capitale, Sadiq Khan, con un tweet, che ha sottolineato come la “negoziazione sia la migliore strada” da percorrere per evitare “inutili disagi”.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

26 NOVEMBRE 2016: Si prevedono giorni neri a dicembre per il trasporto urbano di Londra. Ad annunciarlo oggi è stato il sindacato dei trasporti “The Rail, Maritime and Transport” (RMT) confermando lo sciopero di 24 ore dei conduttori della metropolitana della capitale inglese che avrà luogo dalle 21.30 di martedì 6 dicembre alle 21.30 del giorno successivo mercoledì 7.

Così come riferisce la Bbc, ha votato a favore dell’adesione il personale di due linee chiave della Tube: Piccadilly e Hammersmith and City. La protesta è legata principalmente al collasso delle relazioni sindacali con i vertici aziendali della società di gestione del servizio. A specificare le ragioni dello sciopero ci ha pensato Mick Cash, segretario generale della RMT:

“La disputa sulla linea Hammersmith and City riguarda le questioni fondamentali circa la tutela delle condizioni di lavoro dei nostri addetti per difendere gli accordi. La gestione è fuori controllo e la rabbia per il mancato rispetto delle procedure è traboccata. Questo collasso delle relazioni industriali non doveva essere permesso e il pacchetto di temi al centro della controversia doveva essere risolto attraverso un meccanismo congiunto. Allo stesso modo, anche nella disputa che coinvolge i piloti della Piccadilly la sicurezza è un fattore importante soprattutto se vengono ignorate le procedure e gli avvertimenti da parte del personale“.

Intanto non c’è ancora una totale conferma sull’agitazione di dicembre, in quanto sono in programma nei prossimi giorni dei colloqui all’ACAS per discutere delle problematiche inerenti le linee metropolitane coinvolte, con la speranza di trovare una soluzione alle controversie nate nell’ultimo periodo.

Se così non fosse il rischio di caos a Londra sarà altissimo perchè, negli stessi giorni, è già prevista una protesta degli addetti alla sicurezza e ai controlli dei treni locali della Southern Rail, la linea ferroviaria che collega la capitale col sud dell’Inghilterra.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto