Vivere la maternità a Londra: tutti i diritti delle donne

Vivere la maternità a Londra: tutti i diritti delle donne

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Oggi parliamo di diritti in caso di maternità. Chi lavora, in caso di maternità ha diritto al:

-Pagamento da parte del datore di lavoro del tempo sottratto al lavoro per recarsi ad appuntamenti medici e a corsi prenatali se consigliati dal medico o dall’ostetrica;

-Protezione contro discriminazione, licenziamento o disparità di trattamento: il datore di lavoro non può cambiare i termini del contratto quando una donna è incinta senza l’accordo della persona coinvolta;

-Maternity Leave;

-Pagamento del Maternity Pay o Maternity Allowance.

Dello Statutory Maternity Leave (corrispondente al periodo di maternità a cui abbiamo diritto per legge) può usufruire chi è lavoratore dipendente, ovvero è classificato come employee e non worker. [Aprendo una parentesi, un “employee” è colui che ha un contratto di lavoro. Questa categoria ha più diritti rispetto a quella dei “workers” che invece include soprattutto la maggior parte dei lavoratori impiegati tramite le agenzie, i lavoratori occasionali e alcuni freelance].

Inoltre è necessario avvertire il datore di lavoro sulla nostra volontà di andare in maternità almeno 15 settimane prima della nascita prevista del bambino.

Entro 28 giorni il datore di lavoro deve confermare la data d’inizio del periodo di maternità (in genere 11 settimane prima della nascita prevista del bambino).

Il Maternity Leave dura 52 settimane, anche se si può decidere di non usufruire di tutto il periodo. Tuttavia è obbligatorio prendere due settimane dopo la nascita del bambino e quattro se si lavora in un’industria.

Inoltre, si ha diritto allo Statutory Maternity Pay se si è lavorato per lo stesso datore di lavoro per almeno 26 settimane consecutive nelle 15 settimane prima della nascita prevista del bambino, si guadagna in media £111 a settimana, e se si avverte il datore di lavoro almeno 28 giorni prima della data in cui si vuole lasciare il lavoro per andare in maternità fornendo anche prova di essere incinta (una lettera dal dottore/ostetrica o il certificato MATB1).

Lo SMP viene pagato per 39 settimane e si riceve il 90% dello stipendio medio settimanale netto per le prime sei settimane e poi £138.18 o il 90% dello stipendio medio settimanale per le altre 33 settimane. L’inizio del pagamento avviene in contemporanea all’avvio del Maternity Leave.

Nel caso in cui non si è intitolati a ricevere il SMP, si può avere diritto a richiedere il Maternity Allowance, se si è lavorato almeno 26 settimane nelle 66 settimane prima della data di nascita del bambino, guadagnando almeno £30 a settimana in media o se si è lavorato per almeno lo stesso tempo in un’attività di famiglia.

Nel primo caso, il MA ammonta al 90% dello stipendio medio settimanale o £138.18 a settimana (dal 6 aprile sarà £139.58), mentre nel secondo caso si ha diritto a £27 a settimana.

Inoltre, chi riceve già sussidi o tax credits può richiedere i maternity grants, cioè un aiuto con i costi del neonato per un ammontare complessivo di £500.

 

 

 

Il tuo voto: 5
Voti totali: 1

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti