NEWS

Ryanair cancella più di duemila voli fino ad ottobre

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Avete prenotato un volo con Ryanair per i prossimi mesi? Attenzione perchè rischiate di non poter più partire a causa di una scelta aziendale che sta facendo molto discutere! La compagnia aerea più grande d’Europa ha, infatti, spiazzato tutti con la sua decisione di annullare tra i quaranta e i cinquanta voli al giorno per le prossime sei settimane, per un totale di più di duemila viaggi fino alla fine di ottobre.

Una manovra improvvisa che ha lasciato parecchi a bocca aperta ma che l’azienda ha giustificato con un comunicato preciso:

La puntualità sistemica è scesa al di sotto dell’80% nelle prime due settimane di settembre per una combinazione di ritardi e scioperi dei controllori di volo, del maltempo e dell’impatto crescente delle assegnazioni di ferie a piloti ed equipaggio di cabina. […] Lo standard verrà ristabilito riducendo il suo programma per le prossime sei settimane di meno del 2% degli oltre 2.500 voli giornalieri previsti”.

Nonostante le lamentele, la compagnia aerea agirebbe quindi in buona fede e sarebbe stata costretta a tagliare un numero così elevato di voli a causa della diminuzione del tasso di puntualità dei suoi collegamenti, dovuta a vari fattori tra cui la valutazione sbagliata dei riposi e delle ferie che spettano di diritto ai piloti.

Nelle ultime ore, però, sta venendo fuori un realtà completamente diversa da quella descritta dall’azienda. Stando alle dichiarazioni di una parte del personale le cause di una decisione così drastica sarebbero da ricercare altrove: pare, infatti, che nell’ultimo anno abbiano lasciato la Ryanair ben 700 piloti, a cui se ne sarebbero aggiunti altri 150 dimessi tra la primavera e l’estate per andare a lavorare in altre compagnie tra cui Norwegian Air, EasyJet, i gruppi Iag (British Airways, Iberia, Aer Lingus, Vueling) e Lufthansa. Alla base di questo esodo ci sarebbero le condizioni di lavoro precarie del personale che lamenta stipendi troppo bassi e ritmi poco flessibili e sostenibili.

La situazione, quindi, è ancora poco chiara ma intanto sale la preoccupazione di chi era in procinto di partire e già aveva acquistato un biglietto. Ryanair ha specificato che tutti i passeggeri in questione riceveranno una mail in cui saranno avvisati e gli sarà spiegato come chiedere un rimborso del volo, che verrà accreditato sulla stessa carta utilizzata per l’acquisto, oppure la sostituzione del volo con rimborso di pasti e bevande e se necessario una sistemazione in albergo. Per sicurezza è possibile anche controllare la lista dei voli cancellati sul sito della compagnia aerea che, di ora in ora, continua ad essere aggiornata.

 

 

 

Il tuo voto: 5
Voti totali: 3

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto