5 luoghi a Londra in cui andare per non trovare italiani

5 luoghi a Londra in cui andare per non trovare italiani

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

La scorsa settimana vi abbiamo deliziato con cinque luoghi in cui trovare altri italiani a Londra, ma siamo talmente tanti che la vera domanda che ci è stata posta è: “Quali sono i luoghi in cui non trovarne?”. Rispondere a questo quesito è veramente difficile, perché in realtà ci nascondiamo in ogni luogo e in ogni lago (cit.), quindi dai negozi agli uffici, dai bar alla metropolitana, dal pub ai concerti, c’è sempre il rischio di imbattersi in altri connazionali.

Allontanandosi dal centro di Londra, certo, la possibilità di incontrare scolaresche in Hogan, risvoltini ai pantaloni e Moncler si fa più flebile. Tuttavia, con un po’ d’ironia, vi vogliamo segnalare 5 luoghi di Londra dove è proprio difficile che vi imbattiate in un italiano.

Parlamento. Un riparo sicuro da troppa italianità è sicuramente il Parlamento britannico. Approfittatene prima che il palazzo di Westminster chiuda: i dibattiti parlamentari (soprattutto i Question Time) sono aperti spesso al pubblico e gratuiti. Tutti possono partecipare, ma precedenza viene data a coloro che sono residenti nel Regno Unito, mentre i turisti si devono accontentare dei posti residui. Certo, non è detto che non corriate il rischio di trovarvi un italiano seduto accanto, ma basta stare in silenzio e assistere alle urla di parlamentari per ovviare al problema!

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Traditional Britain Group. Avete un accento British perfetto? Prendete il tè con il latte? Il vostro sogno è parlare di letteratura inglese con Lady Violet Crawley? Bene, se amate le tradizioni inglesi, potete iscrivetevi al Traditional Britain Group fingendovi un discendente di qualche aristocratico britannico e conservatore. Il 22 ottobre si tiene anche l’annuale conferenza del gruppo, “un evento tradizionalista e conservatore” per la difesa degli usi e costumi tipicamente britannici. Goodbye Italians!

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Siti di incontri. Se invece volete conoscere l’anima gemella, potete usare Tinder o altri siti d’incontro, come Dating Sites, in cui potete fare una selezione anche tramite nazionalità. Facile no? Se poi godete di un certo patrimonio, potete provare con il club a cinque stelle Berkley International, che si pone l’obiettivo di far incontrare ai ricchi altri ricchi con cui uscire. Ovviamente, potete dettare voi i requisiti, anche di nazionalità. L’unica pecca? Avere un conto con sei zeri ed essere disposti a spendere dai 15 mila ai 100 mila euro per trovare l’anima gemella. Sì, forse, in confronto, è meglio rischiare di imbattersi in qualche connazionale… oppure no?

Campi da cricket. Fortuna che la maggior parte degli italiani segue solo il calcio e la formula 1 (e altre gare su due/quattro ruote), fatta eccezione per le Olimpiadi. Oltre al calcio, tennis, equitazione e rugby, più popolari a livello internazionale, gli inglesi invece sono famosi anche per il cricket, uno sport secolare. Perché non iscriversi a un club sportivo o andare a vedere una gara? Magari farete nuove conoscenze, rigorosamente non italiane.

Raduni Ukip. L’ultima alternativa è recarsi presso uno dei raduni organizzati dello Ukip. Purtroppo la sede è stata spostata da Londra a Davon. Sappiamo che gli stranieri non sono ben visti, quindi, se sapete camuffarvi, siete al riparo da italiani. Ma non da idioti. Tuttavia, per questo, si sa, non c’è nazionalità.

 

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti