NEWS

Il ritorno di Harry Potter a Londra: nei teatro dal 2016 con una nuova avventura

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Se non ve ne siete accorti, sappiate che negli ultimi tempi si è fatto un gran vociferare su una nuova storia di Harry Potter in uscita l’anno prossimo. Se siete dei fan del mago più famoso del mondo dopo Merlino, mi starete già ridendo in faccia con l’aria di chi la sa lunga. Ma io mi rivolgo al resto della comunità, quella a cui appartengo anche io, ovvero i simpatizzanti. Quelli che si sono visti tutta la serie cinematografica, l’hanno trovata godibile e hanno passato qualche ora spensierata, ma nulla più, e intanto non si sono letti neanche un libro. Ecco, credo che siamo in tanti.

Ma, anche se non si è fan, una notizia del genere non sarebbe dovuta esplodere come una bomba? Certo, se non fosse che la faccenda si è sviluppata un po’ in sordina. Perché non si sta parlando di un nuovo libro di J. K. Rowling. Né di un nuovo film. Harry Potter e amici ritorneranno infatti con una nuova avventura… ma questa volta a teatro.

Harry Potter and the Cursed Child. Questo è il titolo di quella che è stata etichettata ufficialmente come “l’ottavo episodio”. Un sequel vero e proprio, ambientato diversi anni dopo la fine della saga. Qui vediamo Harry Potter, marito e padre di tre figli, lavorare come impiegato al Ministero della Magia e… Oddio, ma che brutta fine per uno che già da bambino era una celebrità riconosciuta e omaggiata da tutti. Mi ricorda un po’ la parabola discendente di Macaulay Culkin.

Comunque a quanto pare la storia sarà incentrata sul figlio Albus, sul suo legame con il padre e la pesante eredità che si porta dietro. Che sia quindi lui il “bambino maledetto” a cui si riferisce il titolo?

Non ci è dato sapere, in quanto i dettagli ci vengono rivelati con il lanternino. L’opera teatrale è stata ufficialmente annunciata lo scorso giugno. Mentre la sinossi ufficiale, cioè le due righe che vi ho descritto, solo pochi giorni fa. Capite perché vi dicevo che se non siete fan non potevate saperlo? Anzi, forse anche se lo siete.

Nonostante tutto, le date della produzione teatrale sono state annunciate e i biglietti già messi in vendita. Anzi, in pre-vendita. E certo, solo a sentire il nome di Harry Potter molti avranno già aperto il salvadanaio. E quindi i produttori si sono inventati una procedura fantastica per l’acquisto dei biglietti. Prima la registrazione al sito per poter essere informati della prevendita; poi la pre-registrazione per partecipare alla pre-vendita. Infine la pre-vendita stessa, che prevedeva file online di svariate ore per accaparrarsi il biglietto.

Il web, naturalmente, è impazzito. In tutti i sensi. C’è chi ha sclerato per la procedura molto British, cioè la fila per la fila per la fila. Chi, dopo svariate ore di attesa, era in procinto di comprare il biglietto per poi improvvisamente vedersi comparire un messaggio di errore. E chi invece, come me, semplicemente ha pensato che non ne valesse la pena e aspetterà la vendita ufficiale al pubblico il 30 ottobre, cioè oggi!

Ovviamente i primi mesi di preview e rappresentazioni ufficiali sono già andati esauriti. E questo grazie soprattutto all’opera di saccheggio degli onnipresenti bagarini, che puntualmente si sono presentati poco dopo su eBay e altri siti rivendendo i biglietti per prezzi oltre i 1000 pound. E se considerate che i biglietti costavano da un minimo di 10 a un massimo di 65 pound… Io personalmente spero che non ci sia qualcuno di così folle da alimentare questo sistema malato, ma so già che si tratta di una speranza vana. Peggio per chiunque ci caschi, comunque: gli organizzatori hanno messo un annuncio evidente sul sito dichiarando che i biglietti rivenduti non saranno accettati a teatro.

Ma insomma, quando e dove verrà messo in scena Harry Potter and the Cursed Child? Lo spettacolo si terrà al Palace Theatre London e le preview cominceranno verso la fine di maggio 2016. La premiere ufficiale si terrà a luglio 2016. Come vi ho già detto, i biglietti sono andati già esauriti per i primi mesi, quindi probabilmente adesso acquisterete un biglietto per uno spettacolo che vedrete nel 2017.

Ma sapete qual è la cosa più figa di tutte? Che l’opera è divisa in due parti. Ebbene sì, sulla scia delle ultime tendenze cinematografiche atte a spillare soldi ai fan, gli autori hanno deciso di scrivere una trama epica che non potesse essere concentrata solo in due ore di spettacolo. Per cui se volete godervi la storia completa, vi tocca comprare due biglietti. Potete scegliere di vedere le due parti di seguito nello stesso giorno, oppure in due serate di fila.

Le menti geniali dietro a questo progetto si chiamano Jack Thorne, John Tiffany e la stessa J. K. Rowling, che non si è lasciata sfuggire l’occasione di guadagnare ancora più soldi dal franchise che ha reso ricca lei e le sue dieci generazioni a venire.

Ma la domanda che tutti si pongono è: chi interpreterà i personaggi? Ovviamente la speranza sarebbe che fossero gli stessi attori della saga cinematografica. E in effetti, pensateci un po’: la storia è ambientata vari anni dopo la fine del film, quindi Harry, Hermione, Ron e gli altri apparirebbero naturalmente adulti (e non con quel trucco orribile visto al termine de I doni della morte). E dal momento che hanno tutti esperienze teatrali alle spalle… Ovviamente non contateci troppo. Certo però che senza di loro si perderà gran parte della magia.

Staremo a vedere. Intanto per ulteriori informazioni possiamo tenerci aggiornati con il sito ufficiale dello spettacolo, e col canale Twitter di J. K. Rowling… sempre se si decideranno a dirci qualcosa di più.

Ci rivediamo tutti nel 2016.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto