NEWS

Il Tamigi cambierà volto con un nuovissimo progetto d’illuminazione firmato Leo Villareal

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

La vista sul Tamigi potrebbe diventare ancora più particolare e suggestiva nel prossimo futuro: Leo Villareal, l’artista newyorkese che è stato incaricato dell’illuminazione del Bay Bridge a San Francisco, è stato scelto per illuminare ben 17 ponti di Londra.

Il progetto, che ha un costo di 20 milioni di sterline (senza alcun contributo dalla tassazione pubblica), è stato presentato da Villareal insieme ad architetti britannici e al progettista urbano Lifschutz Davidson Sandilands: il gruppo ha vinto una gara di appalto pubblica, battendo altri sei finalisti e 150 concorrenti.

L’illuminazione sarà permanente su tutti e 17 i ponti e coprirà 6 miglia marine dal Tower Bridge a est all’Albert Bridge a ovest. L’artista newyorkese propone un “ritmo di luce” sensibile su ogni ponte, creando un codice informatico che monitora e risponde all’alzamento/abbassamento del livello del fiume e al passaggio dei pedoni.

Nel cortometraggio che è stato realizzato per presentare il progetto, i ponti di Londra sono illuminati con una palette di colori che include varie tonalità di bianco, arancione e viola. “Il progetto è bello, ambizioso e affidabile ma considera sempre l’impatto sull’ambiente, il livello dell’illuminazione e il risparmio energetico”, ha detto Hannah Rothschield, sceneggiatrice, scrittrice e presidente del National Gallery.

“La giuria è convinta che il team vincente trasformerà il centro di Londra rimanendo fedele allo spirito e all’integrità del Tamigi e delle sue comunità”, ha continuato, aggiungendo che Villareal è capace di dipingere con le luci.

Leo Villareal è conosciuto soprattutto per il progetto di illuminazione del secondo ponte di San Francisco, il Bay Bridge (l’altro è il famosissimo Golden Gate Bridge): l’istallazione luminosa, inizialmente temporanea per due anni, è stata ripristinata quest’anno come elemento permanente grazie alla popolarità riscossa.

L’artista si è detto “felice e onorato” del fatto che la giuria abbia scelto la visione artistica del suo team per il Tamigi. “L’intero team condivide la convinzione nel potere della cultura di massa e dell’arte di arricchire le nostre città”, ha detto. Ha anche aggiunto che il prossimo anno il gruppo studierà il fiume e ascolterà i londinesi per sviluppare e ridefinire il programma.

Il nostro obiettivo è un piano generale d’illuminazione che riduca l’inquinamento e il risparmio energetico, è sensibile alla storia e all’ecologia e bilanciare nuovamente l’illuminazione sul fiume per fornire un’esperienza notturna molto bella per visitatori e residenti”.

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto