TEMPO-LIBERO/MOSTRE

The Crime Museum Uncovered: la mostra del crimine a Londra, solo per i più coraggiosi!

|
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Chi non ha mai sognato di intrufolarsi negli archivi segreti della polizia e scoprire i misteriosi oggetti ritrovati sulle scene del crimine? Per coloro che hanno uno stomaco forte e uno sviluppato senso del macabro, l’apertura della mostra “The Crime Museum Uncovered” è di sicuro l’evento dell’anno.

Visitabile da ottobre, la mostra ospitata al Museum of London riunisce oltre 500 cimeli raccolti dalla Metropolitan Police a partire dal 1870 e finora conservati nel Black Museum. Quest’ultimo museo, il cui nome non promette niente di buono, è una archivio di Scotland Yard nato non ufficialmente nel 1874 ed accessibile solo agli addettti ai lavori.

Gli oggetti che passeranno per la prima volta sotto lo sguardo pubblico ripercorrono vari crimini durante l’arco di quasi 150 anni di storia. E così si possono trovare: la scatola di medicine appartenente al dottor Neil Cream, avvelenatore e sospettato di essere il mitico Jack lo squartatore, la pistola usata da Edward Oxford nel tentato omicidio della regina Vittoria nel 1840, un tirapugni della fine del XIX secolo usato durante un’aggressione.

Ma non solo: il generatore usato per dare scosse elettriche dagli uomini della Richardson Gans, un’organizzazione criminale operante negli anni Sessanta a Londra, un cuscino riempito di capelli umani appartenente ad Annie Parker, una donna arrestata oltre 400 volte per reati legati all’alcolismo, le corde usate per l’esecuzione della pena capitale nel diciannovesimo e ventesimo secolo.

Siete sicuri di voler andare avanti? Alla lista si aggiungono la vanga utilizzata dal dottor Crippen per seppellire la moglie nel 1910, una roulette truccata alla fiera Barnett Fair, il passamontagna e il cappello indossati da un uomo durante “l’assedio della Spaghetti House”, un assedio armato in un ristorante italiano nel 1975, le maschere usate dai fratelli Stratton, i primi criminali accusati di omicidio in Regno Unito grazie alle impronte digitali nel 1905.

Questi sono solo alcuni dei più curiosi reperti esposti al “The Crime Museum Undercovered”

La mostra sta avendo molto successo quindi per evitare code e per risparmiare anche qualche sterlina conviene riservare i biglietti online.

Oh voi intrepidi che amate tutto ciò che non è convenzionale, The Crime Museum Uncovered rimarrà aperto fino al 10 aprile 2016. Affrettatevi!

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Il tuo voto: 5
Voti totali: 1

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto