Microfoni aperti al Troy Bar: un palco per tutti

Microfoni aperti al Troy Bar: un palco per tutti

di: -
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Open mic sta per open microphone, letteralmente “microfono aperto”, ed è il corrispettivo delle “jam sessions”, in genere più orientate verso il jazz.

A mio cattedratico parere l’Open mic è un’alternativa e risposta alle jam sessions dove quasi sempre i cantanti finiscono emarginati e si ritrovano a dover sgomitare per ritagliarsi il loro momento sul palco, in una giungla di musicisti agguerriti e che si suonano addosso senza tregua.

Il Troy bar di Londra, il martedì sera, è invece dei cantanti: entri, ti controllano la borsa “can I check your bag please” (la prima volta ho dato uno strattone alla mia borsa indignata della richiesta..), paghi 5 pound, un gradasso dietro una scrivania ti mette un timbro sul palmo della mano e una penna in mano: scrivi il tuo nome e il pezzo che vuoi cantare nella scaletta della serata e ti butti in piscina.

Non si sa se l’acqua sarà fredda o calda, ma se non ti butti non lo saprai mai.

Il club è nel cuore dell’est londinese, Hoxton street, zona Shoreditch: cool è dir poco. Alle pareti spiccano graffiti di Billie Holiday e Louis Armstrong ma da quell’epoca ne è passata di birra sotto i ponti…

C’è una resident band, stessi musicisti martedì dopo martedì, che accompagnano le performance dei vari artisti e una volta tanto si può veramente dire che i musicisti sono completamente al servizio della voce (cattiveria gratuita.. ma perdonatemi, sono una cantante…!).

La cantante che dirige l’open mic da vera diva è sempre in ritardo e infatti lo show non comincia mai prima delle dieci e mezza: mettetevi l’anima in pace, il giorno dopo al lavoro sarete una via di mezzo tra Smigol e Gollum ma, datemi retta, ne sarà valsa la pena.

Il pubblico è quasi totalmente “black” e la musica pure, quel tipo di audience ti fa capire molto velocemente e senza mezzi termini se la tua performance è di loro gusto o no: applaudono e urlano “yeah” se stai spaccando, fischiano e sbraitano se stai facendo schifo.

Inizia lo show: la host è uno splendido esemplare di donna nera fiera, con ciglia finte giganti e unghie da strega, capelli quasi a zero biondo platino; sale sul palco con un fare sicuro e groovoso, i musicisti sistemano gli strumenti, le prime promettenti note fanno da antipasto ad una cena coi fiocchi…e arriva il momento: la batteria fa un megagalattico fill, entra la musica e di colpo siamo tutti pettinati!

Il locale è strapieno e non si riesce a respirare: sono una dei cinque bianchi in sala e i miei capelli lisci e sciolti mi cominciano a seccare stasera..

Hannah, la pantera platinata, comincia ad invitare i cantanti sul palco: lei canta come se fosse il suo ultimo giorno sulla terra e la band è fuoco puro.

Se vi piace il gospel, il soul, l’r&b, il nu soul non potete non fare un salto da queste parti. La cucina è di tradizione caraibica e di gusto discutibile. Ma anche quello fa colore!

Sul palco si alterna di tutto:

– songwriter californiani con chitarra e canzoni tristi;

– cantanti con più pancia che voce e più voce che orecchio;

– una Beyoncè in erba con apparecchio fisso ai denti e occhi adolescenti increduli;

– un poeta con manoscritto intitolato “the city” che non può e non deve rimanere nel cassetto;

– tre coristi della madonna seduti di fronte al palco che riescono ad armonizzare ogni volo di mosca.

Il primo pezzo è una specie di pedale acquatico su cui Hannah canta “Troy bar… welcome to the Troy bar…” e poi, sempre cantando, elenca le tre regole della serata:

1° rule: respect the Mic

2° rule: enjoy yourself

3° rule: buy me some food…!

Hannah è melodica e soave come una sirena, chiudo gli occhi e mi sembra di ascoltare un disco invece suonano live e a due passi da me. Mi vengono in mente decine di dischi che ho consumato: da Baduism (E. Badu) a Who is Jill Scott (J. Scott) a Brown sugar (D’Angelo) a Aijustwannaseing (Musiq)…

Impossibile non innamorarsi, impossibile non bere un’altra birra impossibile stare fermi sulla sedia impossibile non decidere “ok, domani stesso imparo a cantare”.

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Indirizzo: 10 Hoxton Sq.

Fermata metro: Old Street

Costo: 5 sterline

Orario: 10.30 pm

Stile: Soul/Nu Soul/Funk/R&b

Controindicazioni: lasci il lavoro serio e ti metti a fare l’artista

Il tuo voto: 0
Voti totali: 0

Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto
Accetta la policy privacy per poter visualizzare correttamente il contenuto

Lascia un commento

commenti